LEONARDOFincantieri
Viaggi RID
anteprima logo RID Il budget 2020 del Pentagono

CVN-75, F-15X, ed LPD Flight II sono alcuni dei punti su cui lo scontro con il Congresso è sicuro. 

a cura di
anteprima logo RID Si sblocca la vicenda F-35

A quanto si apprende dall'ANSA, il Ministro della Difesa Trenta firmerà nei prossimi giorni l'atto per il pagamento dei 389 milioni di euro in sospeso per la partecipazione italiana al programma F-35. Si tratta di fondi, già stanziati e fermi da marzo 2018, che corrispondono ad una parte della quota annuale e che servono a coprire quanto già ordinato dall'Italia. Ricordiamo che il programma F-35 ha per l'Italia un costo di circa 600-700 milioni l'anno e che finora il nostro Paese ha già ordinato 14 F-35, di cui 11 già consegnati, e 2 in attesa di consegna a Cameri, ed i materiali a lunga durata (long lead e extra long lead items) dei 13 velivoli appartenenti ai Lotti di produzione a basso rateo 12, 13 e 14. Il mancato pagamento aveva irritato non poco Washington e rischiava di compromettere seriamente la credibilità internazionale del nostro Paese agli occhi dell'alleato americano, che già aveva fatto filtrare la propria insoddisfazione anche per la questione "via della seta". Detto questo, sempre all'ANSA, fonti governative hanno precisato che "restano delle perplessità sul programma e che dunque sarà rivisto, come già annunciato in più occasioni". Una revisione che però potrebbe avere delle ripercussioni anche su Leonardo, responsabile per l'assemblaggio degli F-35 italiani, e olandesi, e, soprattutto, della produzione di oltre 800 ali per i velivoli. Un business, quest'ultimo, che vale oltre 8 miliardi stando alle dichiarazioni rese in passato anche dai vertici dell'Aeronautica Militare.

a cura di
anteprima logo RID Il CAMM nel network americano IBCS

Per MBDA la dimostrazione è un punto a favore nell'ambito dei programmi polacchi WISLA e NAREW.

a cura di
anteprima logo RID F-35, CAMM ER e P1HH, il Generale Rosso parla chiaro

Importante audizione ieri in Parlamento del Capo di Stato Maggiore dell'Aeronautica Militare, Gen. Alberto Rosso, di cui RID è in grado adesso di darvi tutti i dettagli. Il Generale Rosso è stato estremamente chiaro toccando diversi aspetti, ma, soprattutto, concentrandosi sulle 4 questioni oggi più spinose: futuro caccia europeo, F-35, CAMM ER e P1HH. Riguardo alla prima questione, il Generale ha affermato esplicitamente che l’Italia deve prendere in fretta una decisione sull’ingresso in uno dei 2 programmi  sul tavolo – TEMPEST o FCAS – non potendosi permettere di restarne fuori, mentre sull’F-35 Rosso si è detto preoccupato di rallentamenti o riduzioni quantitative perché ciò costringerebbe ad acquisire macchine più vecchie e costose. L’F-35, invece, si sta dimostrando un velivolo rivoluzionario che sta incontrando il favore e l’entusiasmo dei piloti. Sul CAMM ER, il Generale ha messo in evidenza la criticità derivata dal mancato finanziamento del programma di MBDA per la difesa antiaerea dell’Italia che potrebbe così ritrovarsi priva di un rimpiazzo dell’ASPIDE attualmente in servizio a partire dal 2020-2021, con gravi ripercussioni, tra l’altro, anche sul piano politico-diplomatico visto che sistemi del genere sono dispiegati regolarmente a protezione di grandi eventi. Tra l’altro, le parole di Rosso su F-35 e CAMM ER si collocano sullo sfondo di quanto comunicato anche al termine del recente Consiglio Supremo di Difesa a proposito della “continuità, anche finanziaria, che deve necessariamente caratterizzare i programmi di ammodernamento che si sviluppano su orizzonti temporali particolarmente lunghi”. Infine, sul P1HH il Capo di Stato Maggiore ha riconfermato che il velivolo non incontra le aspettative dell’AM aggiungendo che “occorre trovare un programma non di tampone, che garantisca dei ritorni operativi ed occupazionali”. Del resto, gli 8 velivoli che verrebbero acquisiti con il nuovo finanziamento da 250 milioni sono quelli a suo tempo ordinati dagli EAU ed hanno, come sottolineato dal Generale, “capacità abbastanza ridotte”. Inoltre, a quanto risulta a RID, 6 velivoli sono già di fatto stati completati per cui il finanziamento di cui sopra non apporterebbe nulla né alle maestranze né all’ingegneria dell’azienda, a dimostrazione del cortissimo respiro del provvedimento in questione.

a cura di
anteprima logo RID Carri ALTAY per il Qatar

Il gruppo turco-qatarino BMC produrrà 100 MBT di terza generazione ALTAY per il Qatar. 

a cura di
anteprima logo RID Gli USA accelerano sull’ipersonico

Per non restare indietro rispetto a Russia e Cina – che negli ultimi tempi hanno fatto significativi passi in avanti nel settore – anche gli USA stanno accelerando i propri sforzi nello sviluppo di ordigni ipersonici ed hanno annunciato che il veicolo sperimentale X-60A ha superato la CDR (Critcal Design Review). Il veicolo, frutto della cooperazione tra Air Force Research Laboratory (AFRL) e Generation Orbit Launch Services (GOLS), è stato realizzato per sperimentare una serie di tecnologie da impiegare su futuri missili ipersonici e ridurne rischi e costi. I primi test in volo, che dovrebbero essere svolti da un GULFSTREAM III, si svolgeranno il prossimo anno nello spazioporto di Cecil ( Jacksonville, Florida). L’X-60A è propulso da un motore razzo a propellente liquido, che utilizza come propellente ossigeno liquido e cherosene, e può raggiungere una velocità di Mach 8.

a cura di
anteprima logo RID Il Giappone compra i Joint Strike Missile

Firmato il contratto con Kongsberg, preannunciato dallo stanziamento di fondi nel FY2018. 

a cura di
anteprima logo RID I REAPER pienamente operativi in Polonia

Almeno 2 velivoli, in configurazione "solo sensori", senza armi, volano missioni ISR sull'area. 

a cura di
anteprima logo RID Un nuovo elicottero pesante per la Germania

Con la formale presentazione di una RFP lo scorso 28 febbraio, l’Ufficio federale per le acquisizioni della Bundeswehr (BAAINBw) ha ufficialmente avviato la procedura di rinnovamento della flotta di elicotteri pesanti della Luftwaffe nell’ambito del programma STH (Schwere Transporthubschrauber) che prevede la sostituzione di 80 CH-53G/GA/GE/GS che verranno progressivamente ritirati dal servizio a partire dal 2025.

a cura di
anteprima logo Aeronautica Italiana Difesa Aerea: scramble notturno per due Eurofighter dell'AM

Ieri notte, poco dopo le 23:30, due caccia F-2000 Eurofighter dell'Aeronautica Militare, in prontezza per il servizio di sorveglianza dello spazio aereo, sono decollati rapidamente dalla base aerea di Grosseto, sede del 4° Stormo, per intercettare un velivolo civile ATR-42 di nazionalità polacca che, sorvolando il territorio italiano sulla rotta Skopje-Lipsia, aveva interrotto le comunicazioni con gli Enti del controllo del traffico aereo.

Gli Eurofighter hanno intercettato velocemente il velivolo sul mare Adriatico e, come previsto dalle procedure, hanno verificato la situazione dell'aeromobile e si sono accertati che l'equipaggio avesse ripristinato i contatti radio con gli enti del traffico aereo. I due velivoli sono poi rientrati alla base per riprendere il servizio di prontezza.

Leggi la notizia completa sul sito dell'Aeronautica Militare

a cura di
anteprima logo RID UAS e robotica per il British Army

66 milioni per accelerare l'ingresso in servizio di nuove tecnologie. 

a cura di
anteprima logo RID DYNAMIC MANTA si conclude

Si è conclusa oggi l’esercitazione NATO DYNAMIC MANTA 2019.

a cura di
  1 2 3 4 5 6 7 8 Next >>