LEONARDOFincantieri
Viaggi RID
Argomento Selezionato: Mare
anteprima logo RID Il missile controcarro SPIKE sulle UNPAV

Le nuove unità veloci d’assalto per il Gruppo Operativo Incursori (GOI) della Marina Militare – UNPAV (Unità Navale Polifunzionale ad Altissima Velocità) - saranno equipaggiate anche con un affusto per un missile controcarro SPIKE LR. Tale arma si va ad aggiungere alla torretta a controllo remoto Leonardo HITROLE-N cal. con mitragliatrice da 12,7 mm, collocata a proravia della plancia, e alle 2 mitragliatrici Dillon Aero M 134D cal. A canne rotanti da 7,62 mm. A gennaio la prima unità, ANGELO CABRINI, ha effettuato la sua prima uscita in mare a Messina. E’ iniziato così il processo di accettazione dell’unità da parte della Marina in vista della consegna prevista a Spezia il 29 aprile A maggio, invece, è atteso il varo della seconda UNPAV. Ulteriori approfondimenti sui prossimi numeri di RID.

anteprima logo RID Due basi galleggianti per la Royal Navy

Il Segretario di Stato per la Difesa annuncia il contributo delle Forze Armate a "Global Britain", la politica per un Regno Unito maggiormente attivo a livello globale dopo l'uscita dall'Unione Europea. Per la Royal Navy arrivano due nuove "Littoral Strike Ships", basi avanzate galleggianti per reparti di Royal Marines che garantiscano una presenza permanente in acque lontane. 

anteprima logo RID C'è l'accordo per i sottomarini australiani

Dopo la selezione della proposta SHORTFIN BARRACUDA BLOCK 1A nel 2016, arriva finalmente l'accordo finale che stabilisce la suddivisione delle responsabilità fra Australia e Naval Group nell'ambito dell'ambizioso programma per 12 sottomarini. 

anteprima logo RID Ecco i nuovi LC23

Nel corso di una visita presso il Cantiere Navale Vittoria (CNV) di Adria (Ro) abbiamo avuto la possibilità di vedere in anteprima i nuovi mezzi da sbarco tipo LC23, realizzati da CNV per la Marina Militare.

anteprima logo Marina Italiana Nave MARGOTTINI in Pakistan

La FREMM, nell’ambito della Campagna Navale in Medio Oriente e Mar Arabico, parteciperà in questi giorni all’esercitazione AMAN organizzata dalla marina pakistana.

a cura della
anteprima logo RID Nuovi sottomarini per l’India

Il Defence Acquisition Council (DAC) indiano ha approvato il Project-75(I) (India) per la costruzione nei cantieri nazionali di 6 nuovi sottomarini ad un costo previsto superiore a 400 miliardi di rupie (5,68 miliardi di dollari). Il requisito per questi nuovi battelli era stato approvato già nel 2007, ma soltanto ora è uscito dall’immobilismo burocratico. Nelle intenzioni, questo è il secondo progetto avviato sotto l’egida del modello Strategic Partnership (SP), che prevede che sistemi complessi della difesa, sviluppati da paesi terzi, vengano prodotti in India da un’azienda locale che diventa partner strategico del produttore originario. Il primo progetto SP ha preso avvio nell’agosto 2018 quando il MOD indiano ha autorizzato il programma d’acquisizione per 111 elicotteri utility per la Marina. Si tratta comunque in entrambi i casi di autorizzazioni preliminari, a cui dovrà seguire lo stanziamento effettivo dei fondi e la selezione del prodotto e delle industrie incaricate della produzione. Il Project-75(I) segue il Project-75, attualmente in corso, che riguarda la costruzione di 6 sottomarini del tipo SCORPÈNE, progettati da Naval Group ma costruiti nel cantiere indiano Mazagon Dock Ltd di Mumbai. I 6 sottomarini, conosciuti in India come classe Kalvari, sono il risultato di un lungo e tormentato processo d’acquisizione partito nel 1997. La costruzione ha preso avvio nel 2006 e ad oggi il primo battello è operativo, mentre altri 2 dovrebbero entrare in servizio nel corso di quest’anno. Gli ultimi 2 SCORPÈNE avrebbero dovuto essere costruiti integrando tecnologia Air Independed Propulsion (AIP) di design indiano, ma il piano è stato abbandonato nel 2017. Opzioni per 3 SCORPÈNE addizionali furono abbandonate ufficialmente nello stesso periodo. Secondo fonti di stampa indiane, per il Project-75(I), a cui si richiede propulsione AIP e capacità missilistica migliorata, si sono già fatti ufficialmente avanti Naval Group, con SCORPÈNE evoluti dotati anche di propulsione AIP, il Rubin Design Bureau russo con l’AMUR 1650, SAAB Kockums con il suo A-26 e HDW con l’U-214.

  1 2 3 4 5 6 7 8 Next >>