LEONARDO
Viaggi RID
anteprima logo RID USMC, via al ritiro degli ABRAMS

Con una cerimonia solenne effettuata presso la base del Marine Corps Air Ground Combat Center Twentynine Palms in California, la 1st Marine Division ha ritirato dal servizio il suo ultimo M-1A1 ABRAMS in forza al 1° Battaglione Carri dello USMC. Il preventivo pensionamento è stato avviato sulla base della nuova direttiva Force Design 2030 del Corpo dei Marines, decisa dall’attuale Comandante del Corpo, Generale Berger. Come noto, la decisione di ritirare assetti pesanti dalla prima linea, come i carri armati, deriva dalla necessità di modernizzare e re-allineare le capacità, le unità ed il personale verso aree di maggiore interesse operativo come quelle, tra l’altro, degli UAV e dei sistemi missilistici. Il 1° Marine Tank Battalion, destinato di conseguenza ad essere sciolto, era nato nel 1941 presso la base di Cap Lejune, ed è sempre stato parte integrante della 1st Marine Division operante sul versante Pacifico del Continente americano, dalla Seconda Guerra Mondiale fino alle recenti battaglie mediorientali. La scelta di rinunciare alla componente carri da parte dei Marines è stata criticata, ma con il mutamento degli scenari, ed il focus sull’Asia-Pacifico, altre capacità diventano automaticamente prioritarie, a dispetto di un sistema, l’MBT, con un treno logistico molto pesante e con tempi di dispiegamento che mal si conciliano con le nuove esigenze dell’USMC.

a cura di
anteprima logo RID A fuoco la USS BONHOMME RICHARD

Domenica mattina è scoppiato un incendio a bordo della nave d’assalto anfibio USS BONHOMME RICHARD (LHD-6), ai lavori dal 2018 nella base di San Diego. L’incendio è ormai quasi 2 giorni divora la nave e 57 persone, tra marinai e personale della base, sono rimasti intossicati o ustionati, ma nessuno è in pericolo di vita. Sono intervenuti molti rimorchiatori con cannoni anti incendio e addirittura elicotteri con le benne antincendio abitualmente utilizzati per gli incendi boschivi. I danni sono gravissimi, l'isola e l'alberatura sono collassati, il ponte di volo ha ceduto in diversi punti. Si cerca di evitare che il fuoco, che ha ormai devastato l'hangar, raggiunga le casse di combustibile. Molti sostengono che la nave ormai sia una "total loss". Anche se così non fosse, ci sarà bisogno di molti anni di lavoro, e di enormi risorse finanziarie, per poterla rimettere in linea. Questo gravissimo incidente ha anche come conseguenza la sospensione del programma statunitense di poter disporre in modo continuativo, 365 giorni all'anno, di una piattaforma navale (LHD, LHA o CVN) equipaggiata con F-35 dislocata in prossimità delle coste cinesi.

a cura di
anteprima logo RID Contratto per i primi 8 F-15EX

Boeing ha ricevuto un contratto del valore di 1,2 miliardi di dollari per la fornitura dei primi 8 F-15EX all’USAF. Il contratto copre anche spese di progetto, test, supporto, ecc. L’USAF ha pianificato per i prossimi 5 anni l’acquisto di un totale di 76 F-15EX, che andranno a rimpiazzare gli F-15 C/D attualmente in servizio. Gli 8 velivoli in questione verranno basati sulla base di Eglin, per supportare l’attività di etst e verifica. Dettagli e approfondimenti su RID 9/20.

a cura di
anteprima logo RID Venti nuovi TYPHOON per la Spagna

Il 9 luglio è stata annunciate ufficialmente l’apertura delle negoziazioni fra Spagna ed Airbus per un nuovo lotto di Eurofighter TYPHOON. Il contratto, per 20 velivoli di nuova produzione, dovrebbe essere siglato nel 2021 con consegne entro il 2025, e rappresenta il primo passo in un più ampio progetto per rimpiazzare la settantina di F/A-18 HORNET che rimangono in servizio nell’Ejército del Aire (sui 72 F-18A ed F-18B originariamente acquisiti di nuova produzione, in seguito affiancati da 24 esemplari acquisiti di seconda mano dalla US Navy). Quest’ordine, che la Spagna ha denominato “Progetto HALCON” (Falco), prolungherà l’attività della linea d’assemblaggio spagnola, dopo la conclusione dei lavori sull’originario ordine per 73 esemplari per l’Ejército del Aire. Di questi, 19 velivoli appartengono alla Tranche 1, 34 alla 2 e 20 alla Tranche 3. La flotta effettivamente disponibile si è però ridotta con la perdita di 3 velivoli in tragici incidenti nel 2010, 2014 e 2017, oltre all’esemplare di sviluppo DA-6 andato perduto già nel 2002. I TYPHOON di nuova produzione sono destinati a rimpiazzare gli HORNET dello stormo Ala 46 di base a Gando, Gran Canaria, nell’arcipelago delle Canarie. Saranno velivoli “Tranche 3+”, a volte descritti anche come “Tranche 4”, ed introdurranno alcune migliorie fra cui il radar CAPTOR E AESA MK1. Proprio recentemente, la Spagna si è unita alla Germania nel primo ordine per il nuovo radar, acquisendo un primo batch di 5 sistemi da consegnare entro il 2023. Ulteriori dettagli e approfondimenti su RID 9/20.

a cura di
anteprima logo RID Primi dettagli sulla nuova portaerei francese

Iniziano ad emergere i primi dettagli riguardanti la portaerei di nuova generazione (PANG- Porte-avions de nouvelle génération) destinata alla Marine Nationale.

a cura di
anteprima logo RID Giappone, approvato acquisto di altri 105 F-35

Il Dipartimento di Stato americano ha approvato l’acquisto da parte del Giappone di altri 105 F-35. La commessa, che ha un valore stimato in 23 miliardi di dollari, comprende 63 F-35A e 42 F-35B, questi ultimi per operare dalle portaeromobili classe IZUMO. Gli aerei si aggiungono ai 42 F-35A già ordinati dal Giappone, portando così il totale complessivo a 147 esemplari. Il Giappone diventa così il più grande operatore di F-35 dopo gli Stati Uniti.

a cura di
anteprima logo RID Prime operazioni per i J-15 sulla SHANDONG

Durante l’ultima settimana di giugno i caccia multiruolo imbarcati J-15 cinesi (copia dei Su-33 FLANKER russi) hanno effettuato operazioni di decollo ed appontaggio nell’ambito del primo rischieramento operativo della nuova portaerei cinese SHANDONG.

a cura di
anteprima logo RID Consegnato all'EI il primo AW-169

E’ stato consegnato oggi a Lamezia Terme (CZ), sede del Rgt. SIRIO, il primo dei 2 elicotteri AW-169 in configurazione Addestramento Basico (A.B.C. Addestratore Basico Commerciale) o UH-169B, secondo la designazione dell'EI. La macchina, che sarà seguita da un secondo esemplare analogo, fa parte del più ampio programma LUH (Light Utility Helicopter) che prevede la realizzazione di 15 Leonardo LUH (AW-169 in configurazione Multiruolo Avanzato, MA). La consegna è avvenuta a Lamezia Terme perché il 2º Rgt. SIRIO, che attualmente impiega gli AB-212/412, sarà il primo reparto a ricevere il nuovo LUH.Le attività di volo effettuate dal Reggimento serviranno infatti a completare le attività di definizione della configurazione del nuovo LUH, che verrà realizzato partendo dall'AW-169 e che rimpiazzerà A-109, AB-206, AB-205, AB-212 e AB-412 nei reparti dell'AVES. Ulteriori dettagli su RID 8/2020 in edicola a fine luglio.

a cura di
anteprima logo Stato Maggiore Difesa Missione in Islanda: esercitazione di scramble con la RDAF

La Task Force Air 32nd Wing, rischierata in Islanda per la missione NATO di Air Policing Northern Lightning II, si è esercitata congiuntamente alla Royal Danish Air Force (RDAF) nell’ambito delle attività di cooperazione internazionale utili a garantire sempre più elevati standard di addestramento.

a cura di
anteprima logo Esercito Italiano Afghanistan: 5.000 ore di volo per l’elicottero da trasporto tattico NH-90

A poco più di un mese dal superamento delle 13.500 ore di volo dell’elicottero da esplorazione e scorta AH-129 in Afghanistan, la componente ad ala rotante del Train Advise Assist Command West (TAAC-W) raggiunge un ulteriore brillante risultato: 5.000 ore di volo nei cieli afgani con l’elicottero da trasporto tattico NH-90.

a cura di
anteprima logo Marina Italiana Concluso il primo corso “Naval Aviation Water Survival – NAWS

L’iter addestrativo degli equipaggi di volo della Marina Militare si arricchisce di un nuovo importante momento formativo

a cura di
anteprima logo Aeronautica Italiana Missione in Islanda: doppio allarme scramble per la missione di Air Policing

Nella mattinata del 3 luglio, nell’ambito della missione NATO di Air Policing “Northern Lightning II”, i caccia italiani F-35A rischierati a Keflavik (Islanda) si sono alzati in volo per uno scrambe. L’ordine di decollo rapido – in gergo tecnico scramble – è stato lanciato dal Combined Air Operations Centre (CAOC) NATO con sede ad Uedem (Germania) e quindi gestito dal Control & Reporting Center (CRC) di Keflavik.

a cura di
  1 2 3 4 5 6 7 8 Next >>