LEONARDOFincantieri
Viaggi RID
anteprima logo RID Gli F-35 alla RED FLAG: un'analisi

Impiegati a caccia di SAM e velivoli avversari, oltre che come Battle Managers.

a cura di
anteprima logo RID Lo strano omicidio di un'ex-spia francese

Spia per la Repubblica Francese per 14 anni, Forestier era accusato di aver tentato l'omicio del Generale Mbau.

a cura di
anteprima logo RID I TYPHOON dell’AM in Kuwait con il RECCE LITE

Quattro Eurofighter TYPHOON dell’Aeronautica Militare sono stati rischierati in Kuwait, presso la base di Ahmed Al Jaber, per rimpiazzare gli AMX nell’ambito dell’Operazione PRIMA PARTHICA, che costituisce il contributo delle FA italiane alla coalizione internazionale contro il Daesh. I TYPHOON sostituiranno gli AMX nei compiti ISR Intelligence, Surveillance and Reconnaissance (ISR) – per continuare ad assicurare alla Coalizione il contributo richiesto in termini di monitoraggio e controllo dall’alto del teatro di operazioni grazie alla disponibilità del pod israeliano Rafale RECCE LITE. Quest’ultimo è integrato sui TYPHOON dell’AM ormai da 2 anni, in particolare sugli esemplari Tranche 1 Drop 4, ma è la prima volta che una tale capacità viene rischierata in teatro operativo. Si tratta di un fatto molto significativo in quanto un TYPHOON ha inviluppo e prestazioni significativamente superiori rispetto a quelle di un AMX – in termini di velocità, quote, autonomia, ecc- e questo garantisce maggiore persistenza sull’area obbiettivo ed un campo visivo più ampio; quindi, una maggiore efficacia complessiva della missione. L’attività dei caccia Eurofighter in Kuwait si affianca a quella degli UAV PREDATOR, sempre per attività ISR, e a quella di rifornimento in volo con il tanker KC-767A, a supporto sia dei velivoli italiani sia di quelli della coalizione. Con questo dispiegamento si suggella definitivamente anche la consacrazione multiruolo dei TYPHOON dell’AM, i cui esemplari di Tranche 2 e Tranche 3 posso impiegare pure bombe a guida laser GBU-16 ed a guida laser/GPS EGBU-16.

a cura di
anteprima logo RID Il Laos riceve i primi YAK-130

Ancora non c'è chiarezza sul numero di velivoli e il loro costo. 

a cura di
anteprima logo RID Task Force SABRE

Dal 2014 SABRE è la Task Force più grande, per numero di effettivi, mai dispiegata nella storia del Commandement des Opérations Spéciales (COS).

a cura di
anteprima logo RID La tecnologia dei seggiolini eiettabili

Nonostante il processo di eiezione duri solo pochi secondi, sono molti i parametri da valutare e studiare per arrivare a realizzare un sistema in grado di salvare il pilota in ogni situazione.

a cura di
anteprima logo RID Primo lancio per il BRIMSTONE 3

Il BRIMSTONE 3 è il risultato del Capability Sustainment Programme avviato nel 2018 dal MOD britannico. 

a cura di
anteprima logo RID Premio Fertonani: premiata Elettronica

Premiato l'innovativo strumento digitale per la gestione delle carriere del personale Elettronica Group. 

a cura di
anteprima logo RID Gli F-15 sauditi alla Red Flag

6 F-15SA hanno preso parte alla Red Flag 19-2. Evento d'interesse per l'USAF in vista dell'F-15EX.

a cura di
anteprima logo RID Training e simulazione secondo Leonardo Elicotteri

Un Full Simulator ormai è talmente realistico che un’ora di training su questo tipo di simulatore viene equiparata, a livello certificativo, ad un’ora di volo reale.

a cura di
anteprima logo RID F-35: da Amendola le prime risposte operative

Con F-35 e aeromobili a pilotaggio remoto (APR), Amendola è una finestra sul futuro. 

a cura di
anteprima logo RID Un seeker AESA per il TESEO EVO

MBDA Italia e Leonardo hanno raggiunto un accordo per sviluppare un seeker di nuova generazione a scansione elettronica attiva (AESA) per il missile antinave TESEO MK/2E (TESEO "EVO"). In particolare MBDA Italia avrà la design autority sul seeker e Leonardo sarà fornitore strategico. Nessun dettaglio è stato rilasciato finora sulla banda. Nelle intenzioni di MBDA Italia il TESEO EVO rappresenta un ponte capacitivo verso il futuro missile cruise europeo – FC/ASW (Future Cruise/Anti-Ship Weapon) – in grado di consentire all’azienda di portare, appunto, un’importante dote tecnologica all’FC/ASW, programma quest’ultimo collocato più avanti nel tempo e che presto potrebbe essere allargato anche all’Italia. Il TESEO EVO rimpiazzerà con la Marina Militare il TESEO MK2/A (nella foto) ed avrà pure una capacità land attack secondaria e una portata presumibilmente più che doppia.

a cura di