LEONARDO
Viaggi RID
Argomento Selezionato: Terra
anteprima logo RID Ancora nessuna novità sul VBM FRECCIA

Dopo l’intesa raggiunta lo scorso 20 marzo al Ministero dello Sviluppo Economico (MiSE) sulla situazione occupazionale e produttiva dello stabilimento Iveco DV di Bolzano non si registra al momento nessuna novità sul fronte VBM FRECCIA. Ricordiamo che dopo il summenzionato accordo avrebbe dovuto essere firmata entro fine aprile la convenzione per il finanziamento pluriennale del programma VBM FRECCIA e VBM EVO ed un primo contratto di procurement. A quanto risulta a RID, questo contratto dovrebbe avere un importo di 268 milioni di euro e coprire il finanziamento dei primi 30 BVM FRECCIA della 2ª Brigata dell’Esercito: 25 in configurazione controcarro e 5 in configurazione combat (ma ancora allo standard 1ª Brigata). Il contratto dovrebbe inoltre comprendere pure lo studio del nuovo FRECCIA, noto come FRECCIA EVO, che equipaggerà appunto la 2ª Brigata dopo questi primi 30 esemplari, oppure, in alternativa, il finanziamento di ulteriori 11 veicoli controcarro. Su questo non è stata ancora presa una decisione.

anteprima logo RID 30 mm per le brigate STRYKER

Dopo i positivi risultati ottenuti sul campo con i "DRAGOON" impiegati in Europa, il 30 mm andrà a tutte le brigate. 

anteprima logo RID Truppe Alpine: il corso Mountain Warfare

Il Centro Addestramento Alpino di Aosta ha sviluppato un nuovo iter addestrativo. 

anteprima logo RID Dal Brasile, tecnologia israeliana per gli M113

Ares, sussidiaria brasiliana di Elbit, propone un aggiornamento ad alta tecnologia per gli M113.

anteprima logo RID Altri 464 T-90 per l'India

Il T-90 è prodotto su licenza in India ed equipaggia già 18 reggimenti. 

anteprima logo RID Un nuovo semovente per il British Army

Il British Army ha pubblicato una Request For Information per esplorare il mercato in vista dell'acquisizione di 98 nuovi obici semoventi da 155 mm. Il progetto, noto come Mobile Protected Firepower, mira a riequipaggiare 4 reggimenti e a sostituire gli attuali obici AS90 (nella foto) oltre a parte dei Light Gun L118 da 105 mm. Le consegne dei nuovi semoventi dovrebbero partire attorno al 2025, con l'ingresso in servizio nel 2026. Le consegne proseguiranno probabilmente fino al 2030, ultima data nota prevista per il ritiro dell'AS90 dal servizio attivo. I reggimenti interessati sono il 4 Royal Artillery, il 3 Royal Horse Artillery, il 19 Royal Artillery e il 1 Royal Horse Artillery. I primi 2 reggimenti sono attualmente operativi con il Light Gun L118, ma sono destinati a supportare le future brigate meccanizzate “STRIKE” che saranno incentrate sui nuovi Mechanized Infantry Vehicles (BOXER 8x8) e sui nuovi corazzati “medium armour” AJAX con cannone CT40 da 40 mm. Queste nuove grandi unità dovrebbero diventare operative fra 2023 e 2025, con la prima, la 1 Brigade, che si convertirà al nuovo ruolo a partire dal 2020. 19 RA e 1 RHA sono invece reggimenti pesanti equipaggiati con l'AS90 e destinati al supporto delle 2 brigate di fanteria corazzata (20 Bde e 12 Bde). Dopo i tagli del 2010, l'Esercito dispone attualmente di una flotta di 89 AS90. Ulteriori dettagli su RID 5/19.