LEONARDO
Viaggi RID
Argomento Selezionato: Forze Armate
anteprima logo RID Parte la quarta ondata di progetti PESCO

Oltre a dare il via alla fase finale del percorso di approvazione della Bussola Strategica con la nuova forza di intervento rapido da 5.000 uomini – la cui approvazione definitiva è prevista a marzo – il Consiglio Europeo ha approvato la quarta “ondata” di progetti PESCO. Si tratta di 14 nuovi progetti che vanno ad aggiungersi agli altri per un totale di 60 progetti: una cifra enorme che rende l’idea di un calderone in cui c’è veramente di tutto, troppo. Tanto è vero che a fronte di pochissimi progetti – uno per tutti l’EUROMALE - che si sono effettivamente già concretizzati – anche grazie ai fondi dell’EDF (European Defence Fund) – ce ne sono molti altri che sono tuttora lettera morta. Di questi 14 nuovi progetti, 2 sono coordinati dall’Italia, che partecipa ad altri 3. Tra i progetti più interessanti, segnaliamo: il Medium size Semi-Autonomous Surface Vehicle (M-SASV), per una nuova unità di superficie semi-autonoma di medie dimensioni per compiti ISR, ASW, AsuW, ecc.; l’Essential Elements of European Escort (4E), per lo sviluppo di sistemi e apparati per le future unità di superficie da combattimento (Italia partecipante); il Next Generation Small RPAS (NGSR), per UAV tattici di nuova generazione per impiego a supporto di formazioni terrestri e per impiego da navi; il Rotorcraft Docking Station for Drones, per lo sviluppo di un nuovo sistema per consentire il lancio ed il recupero di micro-droni da elicotteri (Italia Paese guida); il Future Medium-size Tactical Cargo (FMTC) per un nuovo velivolo da trasporto tattico complementare all’A-400M; il Defence of Space Assets (DoSA), per il rafforzamento della “resilienza” delle risorse spaziali (Italia partecipante); lo Small Scalable Weapons (SSW), per lo sviluppo di una nuova famiglia di munizionamento low cost, capace di produrre effetti scalabili e dotato anche di capacità circuitante, per equipaggiare piattaforme aeree pilotate e non, e pure elicotteri, ed ingaggiare bersagli terrestri in movimento: personale e veicoli leggermente protetti (Italia Paese guida).

anteprima logo Stato Maggiore Difesa Il Ministro Guerini ha siglato il primo accordo governativo (G2G) nel campo della Difesa con la Slovenia

La Slovenia acquisterà dall’Italia un aeromobile ad ala fissa C27J Spartan. L’Italia fornirà anche il servizio di assistenza e manutenzione. Previsto anche l’addestramento degli equipaggi di volo.

Guerini: “Gli accordi G2G sono strumenti di politica industriale efficaci, che consentono all’industria nazionale di far valere all’estero la qualità dei propri prodotti”

a cura dello
anteprima logo Stato Maggiore Difesa Il Ministro Guerini incontra a Roma il Segretario di Stato alla Difesa del Regno Unito Ben Wallace

Guerini: “Un incontro intenso e molto positivo, che ha confermato la strategicità della relazione tra Regno Unito e l'Italia.C’è una lunga tradizione di cooperazione nel settore della Difesa tra i due Paesi, con programmi di successo già operanti e ottime prospettive di collaborazione”

a cura dello
anteprima logo RID Un F-35B della portaerei QUEEN ELIZABETH caduto in mare

Il Ministero della Difesa britannico ha confermato che un F-35B della portaerei inglese QUEEN ELIZABETH è caduto in mare mentre la nave incrociava nelle acque del Mediterraneo. Il pilota del velivolo si è eiettato ed è stato tratto in salvo a bordo della nave. La QUEEN ELIZABETH è nel Mediterraneo nell’ambito di un dispiegamento operativo – Carrier Strike Group 21 – partito ormai mesi fa e che l’ha portata anche in Asia-Pacifico.

anteprima logo Stato Maggiore Difesa DIFESA EUROPEA: Il Ministro Guerini a Bruxelles per il Consiglio Affari Esteri e Difesa dell'Unione Europea

Continua la roadmap verso l'approvazione dello "Strategic Compass", il documento di revisione strategica dell'Unione Europea in ambito difesa. A breve distanza dal recente incontro del 21 ottobre, nuovo appuntamento dei Ministri della Difesa e degli Esteri alla presenza dell'Alto Rappresentante della UE Josep Borrell, per un nuovo scambio di idee sulla prima bozza del documento.
Il Ministro Guerini ha poi partecipato a una sessione di lavoro col Segretario Generale Jens Stoltenberg, in cui si è discusso di cooperazione NATO-UE.

a cura dello
anteprima logo Esercito Italiano Cambio del Direttore dell'Ufficio Tecnico Territoriale Armamenti Terrestri

Si è tenuta in data odierna, presso l’Ufficio Tecnico Territoriale Armamenti Terrestri di Nettuno (Roma), Ente che ha il compito di gestire i contratti di approvvigionamento dei materiali d’armamento per le Forze Armate e di svolgere attività balistiche sperimentali, alla presenza del Tenente Generale Paolo Giovannini, Direttore della Direzione degli Armamenti Terrestri, la cerimonia di avvicendamento nella carica di Direttore dell’Ente tra il Colonnello ing.t.ISSMI Roberto Di Costa, Direttore cedente e il Colonnello ing.t.ISSMI Dario Porfidia Direttore subentrante. 

a cura dell'
  1 2 3 4 5 6 7 8 Next >>