LEONARDO
Viaggi RID
Argomento Selezionato: Cielo
anteprima logo RID Russia, consegnato il primo Su-57 FELON di serie

A quasi 11 anni esatti dal suo primo volo, lo scorso 25 dicembre l’Aeronautica russa ha finalmente ricevuto il primo esemplare del caccia multiruolo di nuova generazione Su-57 FELON prodotto in serie.

anteprima logo RID FVL, quale cooperazione Italia-USA?

Durante un Webinar su “La centralità della relazione transatlantica per il settore Aerospace & Defense”, organizzato a novembre dalla Camera di Commercio americana in Italia, il Ministro della Difesa Lorenzo Guerini ha fatto riferimento alle “opportunità sottese alla possibile partecipazione italiana nel programma Future Vertical Lift in merito al quale il dialogo tra le controparti industriali e istituzionali è tuttora in corso”. Le parole del Ministro, con un chiaro riferimento ad una cooperazione con gli Americani, hanno in realtà formalizzato una situazione nota già da tempo e che era emersa in diversi documenti ufficiali delle Forze Armate italiane, nei quali si esprimeva, appunto, la volontà di partecipare al programma FVL. Soprattutto, quanto dichiarato da Guerini ha seguito soltanto di poco la presentazione al Parlamento dello schema di decreto ministeriale che ha dato il via libera alla seconda fase del programma NEES (Nuovo Elicottero da Ricognizione e Scorta)/AH-249 dell’Esercito Italiano. La Fase 2, che ha un valore di 680 milioni di euro, prevede l’industrializzazione della configurazione FOC (Full Operational Capability) dell’AH-249, l'acquisizione di 4 esemplari in tale variante, la conversione delle prime 3 macchine di preserie/prototipi (sempre allo standard FOC), prove di volo e qualifiche, avvio di formazione e training di piloti e tecnici, e supporto logistico quinquennale. La Fase 2 segue la Fase 1 attualmente in corso, che comprende lo sviluppo della macchina e la realizzazione dei primi 3 esemplari di preserie/prototipi, ad un costo di 487 milioni di euro, mentre il programma ha una posta complessiva di 2,7 miliardi di euro. Nel corso di quest’anno, Leonardo dovrebbe presentare ufficialmente il primo prototipo, mentre per il motore la scelta è ricaduta su un GE della famiglia T-700. Tuttavia, l'aspetto più interessante del documento è stata la menzione esplicita al fatto che la futura consistenza della flotta di AH-249/NEES potrà essere determinata “anche alla luce dei progressi relativi alla tecnologia Future Fast Rotorcraft (FFR) ed alla maturità del relativo programma in cooperazione internazionale di intesa partecipazione”.

anteprima logo RID KC-130H ex spagnoli per l'Uruguay

La voce era nell’aria dallo scorso settembre, ma nei giorni scorsi è arrivata l’ufficialità: lo scorso 19 dicembre l’Aeronautica uruguayana ha ricevuto 2 aerei da trasporto/aerocisterne KC-130H HERCULES in dismissione dall’Ejercito del Aire spagnolo.

anteprima logo RID 200 ore di volo per il VALOR

A 3 anni di distanza dal primo volo, il convertiplano Bell V-280 VALOR ha raggiunto il traguardo delle 200 ore di volo. Il VALOR, ricordiamolo, è la proposta di Bell per il requisito FLRAA del programma dell’US Army FVL ed è in competizione con l’elicottero compound Boeing/Sikorsky SB-1 DEFIANT. Su RID 1/2021 il punto sul programma FVL e sulla possibile cooperazione tra Italia e USA.

anteprima logo RID L’USAF ritirerà 17 B-1 nel 2021

Boeing ha confermato quanto già anticipato dall’ultimo budget della difesa statunitense: nel 2021 l’USAF ritirerà 17 dei 62 bombardieri strategici B-1B LANCER. La decisione, che ancora va ufficializzata con la formale approvazione dal Congresso, prevede il taglio dei 17 aerei più anziani, mentre almeno 36 dei restanti 44 dovrebbero proseguire il servizio fino al 2035/2036. Secondo una nota dell’azienda di St. Louis, le operazioni di supporto e manutenzione in favore delle cellule maggiormente usurate sarebbero divenuto eccessivamente onerose, implicando investimenti di decine di milioni di dollari per il loro ripristino nel breve termine. L’accentuata usura di tali cellule è dovuta, secondo la Boeing, ad un utilizzo estensivo dei velivoli nel corso degli ultimi 20 anni, in un ruolo per il quale non erano originariamente stati progettati. In effetti, prima in Afghanistan e poi in Siria, l’USAF ha diffusamente impiegato i velivoli per compiti “semi CAS” in supporto alle truppe terra, seguendo profili di volo medio-alti per i quali i B-1 non sono strutturalmente ottimizzati. E, proprio alla luce delle ottime capacità dimostrate dai LANCER in tali contesti, l’Air Force ha spinto per un aggiornamento sensibile delle cellule meno usurate – come quello volto all’integrazione di nuovi armamenti trasportabili anche esternamente (JASSM e LRASM) o l’aggiornamento avionico previsto dal programma IBSM (Integrated Battle Station Modification) - da svolgersi parallelamente al ritiro graduale degli apparecchi più anziani. Ciò al fine di garantirne il mantenimento in servizio fino all’arrivo del nuovo bombardiere B-21 RAIDER.

anteprima logo RID Decimomannu, via alla IFTS

Presso la base dell’Aeronautica Militare di Decimomannu (Sardegna), si è svolta ieri la cerimonia di posa della prima pietra della nuova International Flight Training School. L'International Flight Training School (IFTS) costituisce una partnership tra l'Aeronautica Militare e Leonardo per la realizzazione di un centro di addestramento avanzato al volo che costituirà il riferimento internazionale nella formazione dei piloti militari a partire dalla fase avanzata dell’addestramento di quei piloti successivamente impiegati su velivoli caccia di ultima generazione. Con l’avvio dei lavori per la costruzione del nuovo campus IFTS presso la Base di Decimomannu verrà realizzata una vera e propria accademia del volo in grado di ospitare allievi, personale tecnico nonché aree ricreative, mensa, impianti sportivi, infrastrutture logistico-manutentive che dovranno gestire l’operatività della flotta di 22 M-346 (18 di proprietà dell’AM e 4 di proprietà di Leonardo). Un intero edificio sarà dedicato al Ground Based Training System (GBTS) per ospitare le aule di formazione e l’installazione di un moderno sistema di addestramento basato su sistemi di simulazione di ultima generazione. La realizzazione di tali opere avrà positive ricadute in favore dell’indotto locale. Completato l’adeguamento infrastrutturale, l’IFTS sarà operativa a partire dal 2022, generando importanti ricadute occupazionali sul territorio. L’IFTS avrà a disposizione 40 istruttori (15 dell’AM ed altri 25 ex militari selezionati e qualificati dalla stessa AM) e potrà formare fino ad oltre 70 allievi l’anno. Ulteriori dettagli su RID 2/21.

  1 2 3 4 5 6 7 8 Next >>