LEONARDO
Viaggi RID
logo RIDa cura della Rivista Italiana Difesa
RID - Rivista Italiana Difesa 01-02-2016 La Russia schiera i Su-35S in Siria data: a cura di:

La Russia sembra aver dispiegato nella base siriana di Jableh, Latakia, 4 nuovi caccia multiruolo Su-35S. Il Su-35S è l'ultima evoluzione della fortunata famiglia Su-27 rispetto alla quale introduce importanti migliorie sotto diversi aspetti. Si tratta di un caccia multiruolo ad alte prestazioni e grande autonomia, grazie alle oltre 25.000 libbre di carburante trasportabili internamente, e di eccezionali doti manovriere, garantite dalla particolare configurazione aerodinamica e dal sistema di controllo vettorante della spinta abbinato a 2 potenti motori NPO Saturn AL-41F1S. Il Su-35S vanta, inoltre, una riduzione della rilevabilità radar, ottenuta con trattamenti superficiali applicati in diverse aeree del velivolo, ed un radar di controllo del tiro molto avanzato quale il PESA (Passive Electronically Scanned Array) Tikhomirov NIIP IRBIS-E. Un'altra innovativa caratteristica, che costituisce un oggettivo passo in avanti rispetto alla tradizione russa/sovietica nel settore, è la migliore e più semplice manutenibilità ed una vita a fatica prevista in 6.000 ore, in linea con i valori tipici dei velivoli da combattimento occidentali. Il velivolo può trasportare ben 8 tonnellate di ordigni, sia guidati che non guidati. Nella base è già presente una Air Expeditionary Task Force russa costituita da 12 bombardieri tattici Su-24M2 FENCER, 10 aerei da attacco al suolo e supporto aereo ravvicinato Su-25SM FROGFOOT (più una coppia di Su-25UB biposto), 4 caccia multiruolo Su-30SM FLANKER-C, 8 cacciabombardieri Su-34 FULLBACK e un Il-20 COOT-A in configurazione SIGINT. A questi velivoli ad ala fissa, si aggiungono 10/12 elicotteri d’attacco Mi-24P HIND-F e 6 elicotteri Mi-8 HIP, ed una batteria di missili contraerei a lungo raggio S-300 PMU2 FAVORIT. Nel corso dell'ultima settimana, i velivoli russi hanno effettuato in media tra le 60 e le 70 sortite di attacco giornaliere in Siria.


Condividi su: