LEONARDO
Viaggi RID
logo RIDa cura della Rivista Italiana Difesa
RID - Rivista Italiana Difesa 10-07-2019 L’Argentina valuta l’FA-50 data: a cura di:

Durante l’ultimo G-20 di Osaka, il Governo argentino avrebbe ripreso, con decisione, il discorso riguardante la possibile acquisizione di una decina di caccia leggeri FA-50 GOLDEN EAGLE prodotti dalla Korea Aerospace Industries (KAI). Secondo alcune fonti sudamericane e coreane, ad Osaka ci sarebbe stato un incontro privato tra i Presidenti Moon Jae-In e Mauricio Macrì, seguito da un colloquio tra ufficiali dello Stato Maggiore argentino e dirigenti della KAI. In realtà, l’interesse di Buenos Aires per l’aereo risalirebbe almeno al 2016, ma la firma dei contratti non c’è mai stata. Ciò si spiega, in primis, a causa della difficile situazione finanziaria in cui continua a versare il Paese sudamericano. In secondo luogo, all’interno della Fuerza Aerea c’è chi preferirebbe l’M-346FA di Leonardo. Ma un supporto governativo così forte per l’FA-50 starebbe favorendo, appunto, il velivolo sudcoreano. L’obiettivo dell’Argentina sarebbe quello di acquisire un primo lotto di 10 FA-50 che possano ricreare una componente da combattimento minimamente credibile, attualmente basata su una manciata di vetusti A-4AR SKYHAWK. Va ricordato, tuttavia, che al momento non ci sono comunicazioni ufficiali riguardanti la firma di un contratto, situazione che potrebbe riproporre quanto già accaduto in passato con altri candidati valutati dalla Fuerza Aerea Argentina - MIRAGE F1 di seconda mano (francesi, giordani e spagnoli), F-16A/B Block 15/20 e, più recentemente, i caccia sino-pakistani JF-17 THUNDER e gli israeliani KFIR – che non per svariate ragioni, principalmente legate alle cifre ed alle forme di pagamento, non sono mai stati acquisiti. A tal proposito, le voci che parlano di un’acquisizione di 10 FA-50 – 2 dei quali consegnati entro il 2019 e gli altri 8 il prossimo anno – secondo una soluzione che preveda il pagamento dei circa 200 milioni dollari in un periodo di 10 anni, con possibilità di proroga per altri 2, potrebbero favorire l’eventuale commessa.


Condividi su: