LEONARDO
Viaggi RID
logo RIDa cura della Rivista Italiana Difesa
RID - Rivista Italiana Difesa 10-10-2019 Da Bell ecco il 360 INVICTUS, la proposta per la gara FARA data: a cura di:

Bell Textron ha presentato il rendering della propria proposta riguardante il futuro elicottero da scout armato a pilotaggio tradizionale - ma con opzione per utilizzo unmanned – per la gara FARA (Future Attack Reconnaissance Aircraft) dell’US Army e la sostituzione dei già ritirati OH-58D KIOWA WARRIOR. Il design dell’apparecchio, denominato 360 INVICTUS, appare maggiormente tradizionale rispetto a quello dei concorrenti e fortemente ispirato al progetto di elicottero stealth Boeing/Sikorsky RAH-66 COMANCHE risalente agli anni ‘80 e mai entrato in servizio (seppur un suo stretto aprente fosse stato impiegato nel raid di Abbotabad che portò alla cattura di Bin Laden nel 2011...). Con il COMANCHE, l’INVICTUS condivide la scelta di adottare un rotore principale singolo a 4 pale (derivato più piccolo di quello pentapala presente sull’utility medio-pesante civile 525 RELENTLESS), un rotore anticoppia integrato nella struttura del trave di coda, tipo fenestron, e leggermente inclinato, le dimensioni (adatte al trasporto all’interno di un C-17 GLOBEMASTER III), il carrello totalmente retrattile e, in generale, le linee della fusoliera. L’elicottero avrà un armamento principale costituito da un cannone da 20 mm (che sarà il General Dynamics XM915 già selezionato dall’Esercito Americano) posizionato sotto al muso, razzi (guidati e non), missili HELLFIRE e futuri ordigni adatti al combattimento in ambienti urbani montabili su lanciatori integrati presenti in 2 piccole baie laterali (altra comunanza col COMANCHE) poste sotto ciascuna delle semiali, anch’esse equipaggiabili con piloni subalari per il trasporto di payload supplementare. Peraltro, tali semiali dovrebbero garantire circa il 50% della portanza necessaria durante la velocità di crociera, il che permetterebbe al rotore di dedicare maggior potenza alla spinta dell’apparecchio. Ulteriori dettagli su RID 11/19.


Condividi su: