LEONARDOFincantieri
Viaggi RID
logo RIDa cura della Rivista Italiana Difesa
RID - Rivista Italiana Difesa 25-05-2020 Nuovi dettagli sul Soldato Sicuro data: a cura di:

Sono emersi nuovi dettagli circa il programma Soldato Sicuro, del quale c'eravamo già occupati in precedenza su queste pagine (vedi RID 02/2020 pagg. 26-27 e RID 04/2020 pagg. 26-31). Il programma in realtà si chiama ufficialmente SIC (Sistema Individuale per il Combattimento) - Soldato Sicuro e costituisce la prosecuzione del SIC (Sistema Individuale per il Combattimento) - Soldato Futuro a sua volta spin-off del Soldato Futuro inserito nell'ambito degli sviluppi paralleli al progetto Forza NEC (in realtà la CD&E, ovvero Concept Development and Experimentation, di Forza NEC). Tornando al SIC - Soldato Sicuro, come noto l'Esercito ha esperesso un'esigenza complessiva di 68.900 sistemi ad un costo stimato del programma pari a circa 1,635 miliardi di euro. A livello industriale tale progetto viene gestito dal Consorzio Sistema Soldato Sicuro, una realtà che mette assieme Leonardo, che detiene il 65% della Joint Venture, e Beretta, con il restante 35%. Tale consorzio, nel quale Marco De Fazio (Leonardo) ricopre attualmente la carica di Presidente, mentre Paolo Fabbricante (Leonardo) il ruolo di Direttore Commerciale e Emilio Bagni (Beretta) quello di Direttore Generale, è stato costituito il 18 luglio 2019 e si occupa della promozione e della commercializzazione di tale sistema. Il primo contratto sottoscritto da questa nuova realtà è stato firmato a dicembre 2019 dal Direttore degli Armamenti Terrestri (DAT), Tenente Generale Francesco Castrataro, e da Paolo Fabbricante, Direttore Commerciale del consorzio. Si tratta di un accordo, del valore di 532 milioni di euro (finanziati mediante il comma 1072 della legge di bilancio 2019), che prevede la realizzazione di 19.771 kit Soldato Sicuro e si sviluppa in un arco temporale di 9 anni (dal 2019 al 2027). In realtà esso costituisce solo la Fase 1 del programma attualmente approvato dagli organi parlamentari. Le commissioni di Camera e Senato hanno infatti dato luce verde ad un progetto più ampio, del valore di circa 755 milioni di euro, che sarà suddiviso in 2 fasi: alla Fase 1 soppracitata si aggiungerà infatti anche una fase 2, del valore di quasi 221 milioni di euro (220,8), finanziata mediante il comma 95 della Legge di Bilancio 2019.

Tutto l'articolo disponibile su RID 6/20.


Condividi su: