LEONARDO
Viaggi RID
logo RIDa cura della Rivista Italiana Difesa
RID - Rivista Italiana Difesa 10-07-2020 Prime operazioni per i J-15 sulla SHANDONG data: a cura di:

Durante l’ultima settimana di giugno i caccia multiruolo imbarcati J-15 cinesi (copia dei Su-33 FLANKER russi) hanno effettuato operazioni di decollo ed appontaggio nell’ambito del primo rischieramento operativo della nuova portaerei cinese SHANDONG. L’unità - seconda portaeromobili STOBAR in seno alla Marina cinese (PLAN) dopo la LIAONING, ma la prima ad essere totalmente progettata e costruita in Cina – è entrata ufficialmente in servizio nel maggio del 2019, dopo aver concluso un ciclo di 8 sessioni di prove in mare in circa 2 anni, propedeutiche all’effettuazione della prima crociera operativa. Rispetto alla LIAONING, di cui ricalca gran parte del design - ski-jump incluso, ancorché di inclinazione leggermente inferiore (12° a differenza dei 14° della nave precedente) - la SHANDONG può ospitare un numero maggiore di J-15 (36 caccia invece di 24), sebbene permangano anche su di essa le restrizioni di peso al decollo dei velivoli. Nel caso dei J-15, infatti, il MTOW dovrebbe attestarsi intorno ai 28.500 kg, che tenendo conto del peso a vuoto degli aerei pari a 17.500 kg - 2.722 kg in più rispetto ad un SUPER HORNET – implica un peso destinato al carburante ed all’armamento non superiore alle 11 tonnellate. Il che, tradotto, vorrebbe dire una configurazione multiruolo standard composta da una coppia di missili aria-aria a corto raggio PL-8, 4 bombe da 500 kg e un paio di missili cruise antinave YJ-83K/YJ-91A, antiradiazioni YJ-91, o aria-sup KD-88. In caso di carico massimo di carburante, al contrario, la dotazione di ordigni scenderebbe a 2 tonnellate (2 PL-8 e un paio di missili AN/AS). Le immagini pubblicate dalla PLAN, concernenti le recenti operazioni dei J-15 durante la prima crociera operativa della SHANDONG nel Mar Cinese Meridionale, mostrano gli aerei in decollo ed appontaggio in configurazione pulita, senza alcun tipo di ordigno presente sui piloni subalari.


Condividi su: