LEONARDOFincantieri
Viaggi RID
logo RIDa cura della Rivista Italiana Difesa
RID - Rivista Italiana Difesa 31-08-2020 I REDBACK in viaggio per l’Australia data: a cura di:

Sono in viaggio dalla Corea del Sud all’Australia i primi 2 prototipi del REDBACK Infantry Fighting Vehicle (IFV), prodotti dalla Hanwha Defence sudcoreana per partecipare alla prima serie di test che saranno condotti dall’Esercito australiano nell’ambito del programma Land 400 Phase 3. La consegna dei prototipi, a cui si aggiungerà un ulteriore terzo, si inserisce nell'ambito del requisito della Risk Mitigation Activity (RMA)  previsto nel primo contratto di 50 milioni di dollari australiani (poco più di 30 milioni di Euro) firmato nell'ottobre del 2019. Il requisito dell’Esercito australiano, confermato anche nella ultima Direttiva Strategica, si aggira su 400 veicoli con un costo stimato intorno ai 3,5 miliardi di Euro. Come dichiarato dalla stessa Hanwha Defence, i test che costituiscono la RMA inizieranno a novembre e continueranno per 10 mesi; verrranno testate, in condizioni estreme, la letalità, la sopravvivenza e la balistica del veicolo nel fronteggiare differenti tipologie di esplosivi e munizioni, oltre alla mobilità e transportabilità. Il veicolo è una variante del K21 in servizio nelle Forze Armate sudcoreane con l’aggiunta di upgrade significativi come il sistema IronVision, di produzione israeliana, capace di garantire una situational awareness su 360 gradi. Il REDBACK, dal nome di uno dei più velenosi e comuni ragni dell’Australia (anche conosciuto come “Vedova Nera”) si confronterà nei test con il Rheinmentall Defence LYNX KF41 IFV che, fresco del successo in Ungheria, viene ritenuto favorito. Tale pronostico non è frutto delle migliori prestazioni del veicolo di origini tedesche quanto del fatto che la Rheinmentall ha già da tempo avviato un massiccio investimento e delocalizzazione della sua produzione sul territorio australiano. Quest’ultimo elemento viene molto apprezzato dalla leadership politica e militare locale, sempre particolarmente attenta nell’investire, con priorità, sul prodotto “Made in Australia”.


Condividi su: