LEONARDO
Viaggi RID
logo RIDa cura della Rivista Italiana Difesa
RID - Rivista Italiana Difesa 16-12-2020 F-22, F-35 e VALKYRIE per la prima volta insieme data: a cura di:

Il 9 dicembre scorso, nei cieli sopra il poligono di Yuma, l’USAF ha compiuto un importante passo avanti negli sforzi per costruire il suo Advanced Battle Management System, il network alla base delle nuove tattiche multi-dominio. In particolare, al centro dell’esperimento c’era il nuovo sistema di comunicazione multi-data link “GatewayONE”, che possiamo descrivere, semplificando, come un traduttore-aggregatore capace di mettere in comunicazione piattaforme fino ad ora separate da data link proprietari ed incompatibili. Grazie a GatewayONE, per la prima volta, F-35 ed F-22 hanno potuto condividere dati in tempo reale ed in modo sicuro direttamente in volo, senza bisogno di un centro dati a terra. F-35 ed F-22, infatti, impiegano 2 particolari data link sicuri per la condivisione dati all’interno della formazione, rispettivamente il Multifunctional Advanced Data Link (MADL) e l’Intra-Flight Data Link (IFDL). Questi sistemi offrono comunicazioni sicure, ma finora non erano in grado di comprendersi e trasferirsi vicendevolmente informazioni. GatewayONE ha inoltre esteso la condivisione dati sicura al di fuori della formazione, trasmettendo e ricevendo informazioni e tracciamento del bersaglio anche da sensori basati a terra. Tutti i dati sono arrivati a ciascuna piattaforma nel suo formato “nativo”, così che i sistemi di bordo non hanno avuto problemi ad integrare la traccia e a presentarla agli operatori pienamente integrata nella simbologia e negli apparati. Questa condivisione multi-direzionale è cruciale per realizzare la visione della collaborazione costante fra piattaforme appartenenti a tutti i Domini operativi. Un altro fondamentale passo compiuto con questo esperimento è stato l’integrazione in formazione mista di un velivolo non pilotato “sacrificabile” Kratos XQ-58A VALKYRIE. Questo velivolo è uno dei candidati per il ruolo di Loyal Wingman a basso costo. Lanciato con l’uso di razzi e recuperabile con paracadute o in acqua, il VALKYRIE è indipendente dalle piste aeroportuali e potrà aggiungere sensori ed armi supplementari rispetto a quelle dei caccia pilotati che è destinato a supportare. Quello del 9 dicembre è stato il primo volo semi-autonomo in formazione con i 2 stealth pilotati. Il test del 9 dicembre, per quanto importante, non è stato però un completo successo: anche il VALKYRIE era equipaggiato di modulo GatewayONE, ma il sistema ha avuto un malfunzionamento dopo il decollo che ha reso impossibile dimostrare la piena integrazione del loyal wingman. Di conseguenza, solo 9 delle 18 dimostrazioni previste si è conclusa con successo. Fra i test conclusi con successo si segnala anche la condivisione di immagini Full Motion Video trasmesse da un F-35B agli operatori a terra. Questa funzione non era originariamente inclusa nel sistema designazione obiettivi EOTS ma è in corso di retrofit. Le informazioni sono state condivise in volo anche con un’aerocisterna KC-46 PEGASUS e una stazione dati a terra, impiegando tecnologie router internet di origine civile, adattate per impiegare la banda di comunicazione del Tactical Targeting Network Technology.


Condividi su: