LEONARDO
Viaggi RID
logo RIDa cura della Rivista Italiana Difesa
RID - Rivista Italiana Difesa 08-01-2021 Il Large Displacement UUV program dell’US Navy data: a cura di:

La US Navy ha pubblicato la sua final request for proposals (RFP) per la seconda fase del programma SNAKEHEAD Large Displacement Unmanned Underwater Vehicle (LDUUV), il sistema non pilotato di maggiori dimensioni lanciabili da un sottomarino. La fase 1 del progetto è giá in corso, con la consegna durante l’anno del prototipo per la condotta dei test e la valutazione, mentre gli esemplari di LDUUV previsti in fase 2 saranno i primi per l’impiego operativo. Secondo quanto dichiarato dal Naval Sea Systems Command, la nuova RFP include il design finale, lo sviluppo, e la costruzione di di due esemplari che saranno prodotti da un unica societá. Le eventuali proposte da parte delle aziende del settore sono attese per l’inizio di quest’anno con una decisione finale entro lo stesso. Lo SNAKEHEAD puó essere classificato come un UUV multimissione ad elevata autonomia, lanciato da una piattaforma sottomarina, in grado di operare in ambiente marino oceanico ed in grado di trasportare un payload riconfigurabile a seconda della missione assegnata. La missione principale del LDUUV è quella di piattaforma di sensori per il supporto alla Intelligence Preparation of the operational Environment (IPOE o IPB) e, secondo la RFP, dovrá essere in possesso di elevate prestazioni nell’ambito del comando e controllo, l’autonomia, la navigazione, la possibilitá di comunicare e permettere lo sharing della situational awareness, e di avere un sistema di propulsione ed energia che gli permetta di svolgere le sue numerose attivitá. Sempre nella fase 2, il LDUUV dovrá inoltre avere un Payload Handling Systems (PHS) migliorato, che possa permettere l’imbarco di mini-UUV, e la capacitá di operare con i Modernized Dry Dock Shelter (DDS) di nuova concezione ed imbarcati sui nuovi sottomarini statunitensi. Si ritiene lungimirante, oltre che interessante, la volontá di alcuni membri della US Navy di esplorare la possibilitá di lanciare gli LDUUV anche da unitá navali di superfice. Nonostante la marina militare statunitense abbia giá avviato sia l’organizzazione, con lo UUV Squadron One (UUVRON-1), che molte attivitá in mare con diverse tipologie di UUV, il programma LDUUV procede in ritardo sulla sua tabella di marcia che prevedeva il prototipo della fase 1 giá in acqua nel 2019.


Condividi su: