LEONARDO
Viaggi RID
logo RIDa cura della Rivista Italiana Difesa
RID - Rivista Italiana Difesa 14-01-2021 Corea del Nord, nuovi progetti nucleari data: a cura di:

Il leader nordcoreano Kim Jong Un ha annunciato al suo popolo, e indirettamente alla comunitá internazionale, che il suo Paese sta lavorando allo sviluppo di nuovi sistemi d’arma, in particolare relativi alla realizzazione di un nuovo sottomarino a propulsione nucleare, testate nucleari tattiche e armi ipersoniche in grado di penetrare ogni sistema di difesa aerea esistente. Si ritiene che quest’ultimo annuncio sia indirizzato alla nuova amministrazione statunitense, considerando che il leader nordcoreano ha precisato, in un intervista rilasciata alla controllata Korean Central News Agency (KCNA), di non aspettarsi nessun cambiamento nell’atteggiamento americano nei confronti del suo Paese e di voler procedere secondo le proprie guide strategiche senza curarsi di chi è seduto sulla poltrona più importante di Washington. Riguardo il progetto del sottomarino a propulsione nucleare, avviato nel 2016, il Premier ha precisato che si ritiene ormai completato ed è adesso passato alla fase di analisi e valutazione. Secondo quanto dichiarato, la costruzione di tale piattaforma è stata ritenuta necessaria per fornire una capacità dis econdo strike ed una maggiore credibilità al deterrente nucleare di Pyongyang. Il nuovo sottomarino nucleare sarà molto probabilmente in grado di imbarcare i nuovi SLBM (Submarine Launched Ballistic Missile) PUKGUKSONG 3. Il Presidente Kim Jong Un ha inoltre annunciato che la tecnologia nucleare nordcoreana ha fatto registrare un sensibile cambio di marcia, con il comparto delle ricerche ormai focalizzato sul miniaturizzare, rendere piú leggeri, e standardizzare i sistemi d’arma nucleari per arrivare a produrne delle versioni tattiche e, soprattutto, avviare lo sviluppo di un eventuale ordigno all’idrogeno. Non sono stati forniti invece maggiori dettagli sullo status dei progetti nordcoreani relativi a possibili armi ipersoniche, ma ne è stata comunque confermato l’avvio cosi come lo sviluppo di nuovi equipaggiamenti per la guerra elettronica e la costruzione di satelliti da ricognizione.


Condividi su: