LEONARDO
Viaggi RID
logo RIDa cura della Rivista Italiana Difesa
RID - Rivista Italiana Difesa 15-01-2021 Missili antinave per le LPD americane data: a cura di:

Su pressione degli USMC, e come anche su queste colonne avevamo anticipato da tempo, la US Navy sta seriamente valutando la possibilità di equipaggiare le proprie unità da trasporto anfibio LPD classe SAN ANTONIO con sistemi missilistici antinave “containerizzati” operati da Marines. Sebbene ancora non sia stato specificato ufficialmente la tipologia di sistema che verrebbe eventualmente installato sulle navi, il principale candidato dovrebbe essere il missile Kongsberg-Raytheon RGM-184 NSM, già presente sulle attuali LCS e, in futuro, sulle fregate CONSTELLATION. Per quanto concerne il sistema di lancio, i Marines stanno attualmente studiando una soluzione che permetta di adattare i lanciatori d’artiglieria HIMARS all’utilizzo degli NSM. Secondo il Comandante delle operazioni anfibie/expeditionary, Gen King, le LPD “dispongono di spazi adeguati all’installazione di sistemi antinave al fine di aumentarne le capacità di sopravvivenza”. A tal proposito, King ha parlato della possibilità di effettuare non meno di “un test di lancio da una LPD nel corso del 2021, e di un periodo di valutazione capacitiva e dottrinale del sistema di circa un anno”, propedeutico all’eventuale conferma del requisito ed alla relativa allocazione di fondi per l’acquisizione. Le preoccupazioni relative ad una più adeguata protezione delle LPD – ad oggi limitata alla difesa di punto basata su una coppia di lanciatori di missili sup-aria a corto raggio RIM-116 ed un paio di mitragliatrici remotizzate Bushmaster da 30 mm - non sono nuove. Già durante la fase di progettazione delle SAN ANTONIO, infatti, era stata prevista una dotazione di 16 VLS Mk41 per missili antiaerei ed antimissile RIM-162 ESSM. Il sistema, tuttavia, non fu mai montato sulle unità in oggetto, per quanto sia stato conservato lo spazio necessario ad una sua successiva installazione. A tal proposito, nel 2016, gli USMC avanzarono la proposta di montare i Mk41 ed equipaggiarli con missili cruise TOMAHAWK per garantire un adeguato supporto di fuoco alle operazioni anfibie dei Marines. Tale proposta risulta attualmente congelata e, forse, sorpassata da quella relativa alla possibile installazione di un sistema ad energia diretta/laser, basata sul dimostratore LWSD (Laser Weapon System Demonstrator) Mk 2 Mod 0, attualmente in fase di test sulla LPD PORTLAND, sulla quale è stato montato sfruttando parte dello spazio inizialmente concepito per i VLS Mk41. Tornando alla possibile installazione dei sistemi missilistici containerizzati, oltre a garantire enorme flessibilità relativamente alla loro rapida installazione/rimozione, tale soluzione potrebbe incrementare sensibilmente anche la flessibilità capacitiva/operativa delle SAN ANTONIO, in caso di adozione di sistemi modulari che consentano l’utilizzo di altri ordigni di lancio, leggi LACM per l’eliminazione di difese costiere, oltre ai già citati missili antinave NSM (o chi per essi).


Condividi su: