LEONARDO
Viaggi RID
logo Marina Militarea cura della Marina Militare
RID - Rivista Italiana Difesa 15-06-2021 Insediato a Napoli il nuovo Comandante logistico data: a cura di:

L’ammiraglio ispettore capo Giuseppe Abbamonte è il nuovo Comandante Logistico della Marina Militare.

Nato a Napoli, l’ammiraglio Abbamonte proviene dalla Direzione Informatica, Telematica e Tecnologie Avanzate (Teledife), comando interforze situato a Roma che sovrintende il processo di ricerca e acquisizione dei beni in tali ambiti per l’intera Difesa, e succede all’ammiraglio di squadra Eduardo Serra che ha lasciato il servizio attivo lo scorso 19 maggio.

 

Istituito il 1° maggio del 2013 il Comando Logistico, dal quale dipendono organicamente o funzionalmente oltre 40 Comandi ed Enti della Forza Armata, dirige, coordina e controlla le attività di supporto allo strumento operativo aeronavale, vero core business della Marina Militare. I circa 6000 uomini e donne, militari e civili, impiegati presso la linea funzionale logistica operano quotidianamente nei settori della manutenzione navale, dell’ingegneria logistica e predittiva, dei materiali e delle scorte a controllo centralizzato, delle infrastrutture e delle opere portuali nonché a garanzia della sicurezza marittima attraverso la gestione del servizio fari e segnalamenti marittimi.

Al Comando Logistico fanno capo, inoltre, per le specifiche funzioni di supporto, i Comandi Marittimi ed i Comandi ed Enti da questi gerarchicamente dipendenti, tra cui gli strategici stabilimenti di lavoro di La Spezia, Taranto ed Augusta nonché i depositi munizionamento e combustibili ed i magazzini dei materiali di scorta. Completano il quadro delle professionalità della linea funzionale i centri di sperimentazione ed il centro di allestimento per le navi di nuova costruzione.

In sintesi, dunque, la missione del Comando Logistico si esplica nel processo grazie al quale gli utenti finali – il personale della Marina Militare e la Flotta – ricevano ciò di cui hanno bisogno, quando e dove ne hanno bisogno, massimizzando la disponibilità operativa e ottimizzando l’impiego delle risorse. Un mondo, quello della logistica, all’avanguardia della tecnologia ma nel quale la competenza e la professionalità del singolo – che si possono consolidare solo con un prolungato periodo di impiego –consentono di confrontarsi compiutamente, all’interno ed all’esterno della Forza Armata, solo con la forza delle idee.


Condividi su: