LEONARDO
Viaggi RID
logo RIDa cura della Rivista Italiana Difesa
RID - Rivista Italiana Difesa 09-09-2021 La Corea del Sud entra nel club dei “sottomarini strategici” data: a cura di:

Nei giorni scorsi la Marina Sudcoreana (ROKN) ha effettuato il primo lancio di prova di un missile balistico a corto raggio da un sottomarino, un inedito nella storia della Marina di Seoul e, in generale, nel settore dei battelli convenzionali AIP. Ad eseguire il lancio è stato il sottomarino DOOSAN AHN CHANGHO (SS-083), primo di una classe di unità AIP prevista in 9 esemplari, in base al programma KSS-III. Partito nel 2016, il programma prevede la costruzione del primo battello di concezione nazionale dopo i 18 realizzati tra 1988 e 2020 con i programmi KSS-I e KSS-II, frutto di customizzazioni su licenza dei Type-209/214 tedeschi. Esperienza di cui i nuovi battelli fanno tesoro, con un apparato AIP più avanzato e dimensioni più generose, anche al fine di integrare, assieme a 6 tubi da 533 mm per siluri e missili antinave SUB-HARPOON, un modulo di lancio VLS a 6 celle – incrementabili a 10 con i lotti successivi al Batch-I in costruzione, che prevedono anche l’introduzione di nuove batterie a ioni di litio – per missili cruise e SLBM. Proprio un SLBM tipo HYUNMOO-4.4 (variante navale di una famiglia di ordigni in fase di sviluppo dagli anni 2000, con gittata stimata di 800 km e testata convenzionale) è il missile testato dal DOOSAN AHN CHANGHO, al culmine di una serie di prove effettuate in agosto da una chiatta semi-sommergibile. Il sottomarino, varato il 18 settembre 2018, risulta consegnato il 13 agosto per effettuare i test in vista della piena operatività prevista nel 2022, mentre altri 2 battelli Batch-I sono in costruzione e un quarto risulta in ordine. Il successo del test fa della ROKN l’ottava Marina al mondo con capacità di lancio di missili SLBM, dopo USA, Russia, Cina, Gran Bretagna, Francia, India e Corea del Nord, le cui potenzialità – limitate però da una tecnologia autarchica, priva di apparati AIP – i DOOSAN AHN CHANGHO si ripromettono di superare ampiamente.


Condividi su: