LEONARDO
Viaggi RID
logo RIDa cura della Rivista Italiana Difesa
RID - Rivista Italiana Difesa 28-10-2021 Prove di rullaggio per il dimostratore del programma UCAV GHATAK data: a cura di:

Il 22 ottobre scorso, durante la sessione inaugurale della conferenza per lo “Swarnim Vijay Varsh” (il cinquantesimo anniversario della guerra indo-pakistana) dell'IAF (Indian Air Force), a Bangalore, è stato mostrato lo SWiFT (Stealth Wing Flying Testbed), drone dimostratore del progetto GHATAK, relativo alla realizzazione domestica del primo UCAV stealth. Sempre in quest’occasione, il drone ha completato le prove di rullaggio ad alta e bassa velocità ed è stato autorizzato al suo primo volo, che avrà luogo probabilmente entro la fine dell’anno. Lo SWiFT è dotato del motore turbofan russo 36MT, prodotto dall’azienda NPO Saturn, e si stima che sia lungo 4 m, abbia un’apertura alare di 5 m e un peso di 1 t. Lo studio delle prestazioni del drone dimostratore, in particolare riguardo le peculiarità stealth, serviranno non solo per il GHATAK, ma anche per lo sviluppo del caccia, di concezione nazionale, di quinta generazione AMCA (Advanced Medium Combat Aircraft). Il programma per la costruzione dell’UCAV GHATAK nasce dalla necessità dell’India di dotarsi di un drone capace di rispondere alle minacce presenti nel contesto regionale, soprattutto a causa della Cina, che ha già sviluppato una vasta gamma di droni stealth, come il GJ-11 e il CH-7. L’India, quindi, vuole dotarsi di un drone molto sofisticato, secondo una tendenza generale alla robotizzazione della guerra, come altre potenze di primo livello, Stati Uniti e Russia in primis, potenze minori e persino attori non statali. Tendenza che si è manifestata soprattutto negli ultimi tempi, in conflitti dove c’è stato un ampio uso di droni: dai Bayraktar TB2, di produzione turca, nel conflitto in Nagorno-Karabakh, ai più rudimentali quadricotteri usati dall’ISIS in Siria. A ciò bisogna aggiungere l’intenzione indiana di maturare una capacità autonoma nella produzione di droni, per aumentare il know-how nazionale. Per esempio, anche il motore del GHATAK sarà indiano, il Kaveri prodotto da GTRE (Gas Turbine Research Establishment, azienda indiana con sede a Bangalore) e non russo come nello SWiFT.

 

 


Condividi su: