LEONARDO
Viaggi RID
logo RIDa cura della Rivista Italiana Difesa
RID - Rivista Italiana Difesa 08-11-2021 Sottomarini di seconda mano americani e inglesi in leasing per l'Australia? data: a cura di:

Venerdì 29 ottobre, a un evento del Wilson Center a Washington D.C, l’ex Primo Ministro australiano Tony Abbot ha affermato che l’Australia dovrebbe prendere in considerazione l’ipotesi di acquistare di 1 o 2 sottomarini statunitensi già operativi. La proposta, che va letta nell’ambito dell’AUKUS, si baserebbe sul presupposto che, da una parte, questi servirebbero per sviluppare un know-how sull’utilizzo degli SNN, dall’altra, per avere dei battelli operativi nel più breve tempo possibile, visto che i futuri sommergibili, frutto della cooperazione strategica e industriale con USA e UK, dovrebbero entrare in servizio nel 2040. L’esigenza australiana di avere dei sottomarini è data anche dal fatto che attualmente la classe COLLINS, di produzione nazionale e derivata dalla classe GOTLAND svedese, ha una data stimata di ritiro programmata per il 2026, spostata al 2030 e che potrebbe essere addirittura ritardata al 2038, in attesa dei nuovi SSN. I candidati per questa eventuale esigenza di “gap filling” potrebbero essere i sottomarini della classe LOS ANGELES-FLIGHT II americana, dotati di capacità VLS per il lancio dei missili TOMAHAWK. In particolare, l’USS PROVIDENCE (SSN-719) e l’OKLAHOMA CITY (SSN-723), i quali sono stati commissionati rispettivamente nel 1985 il primo, nel 1988 il secondo, e che verranno ritirati per dicembre 2022 e giugno 2022. Tuttavia anche la Gran Bretagna potrebbe assolvere a questa esigenza con i propri TRAFALGAR, di cui 4 su 7 già ritirati, battelli che sono destinati ad andare in pensione nei prossimi anni, visto che il Regno Unito si sta dotando di una nuova generazione di SSN, denominata classe ASTUTE.


Condividi su: