LEONARDO
Viaggi RID
logo RIDa cura della Rivista Italiana Difesa
RID - Rivista Italiana Difesa 24-01-2022 Verso grandi navi senza equipaggio per la Royal Navy data: a cura di:

La “Special Purpose Ship” servirà come dimostratore e laboratorio per lo sviluppo dell’Autonomia in mare. La Royal Navy intende acquistare una piccola nave da usare come piattaforma sperimentale per lo sviluppo dell’Intelligenza Artificiale ed Autonomia necessarie per impiegare in future Uncrewed Surface Vehicles di grandi dimensioni. I requisiti pubblicati richiedono che l’unità sia, essenzialmente, di nuova costruzione: non deve aver avuto proprietari precedenti. Le dimensioni desiderate sono contenute entro i 48 metri di lunghezza e le 500 tonnellate, con un pescaggio massimo di 3,5 metri. La nave deve poter navigare almeno 2.500 miglia nautiche e toccare almeno i 20 nodi. Per favorirne l’eventuale trasformazione in USV, sono richiesti controlli di macchina digitali e un autopilota anch’esso completamente digitale. All’unità è richiesto un ponte cargo di almeno 120 metri quadrati, che possa accogliere almeno 2 container da 40 piedi e che sia predisposto con connessioni elettriche ed idrauliche e con una gru capace di sollevare almeno 3,5 tonnellate a 4,5 metri. Internamente sarà creato uno spazio modulare da impiegare come laboratorio. La nave potrà supportare un equipaggio di 8 e un team imbarcato di 12 persone, con 6 marinai sufficienti a condurre l’unità. Il MOD vuole perfezionare l’acquisto entro il 31 marzo 2022 e avere l’unità modificata al massimo entro il marzo 2023. Viste le caratteristiche richieste, l’unità sarà probabilmente una “Crew Boat” di quelle comunemente impiegate per il trasporto di personale e materiali da e per le piattaforme di estrazione offshore. Il ponte cargo sarà utile per testare i carichi modulari NAVYPODs (Navy Persistent Operational Deployment System) che la Royal Navy sta sviluppando parallelamente. I dimostratori Large USV della US Navy sono unità concettualmente simili, seppure di maggiori dimensioni. Uno dei dimostratori americani, RANGER, si è distinto per aver lanciato un missile SM-6 da un lanciatore containerizzato.

Seguiteci sul nostro Canale Telegram.


Condividi su: