Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Le atomiche su Hiroshima e Nagasaki - Agosto 1945
FaC Offline
Posting Freak
*****

Messaggi: 5.286
Discussioni: 46
Registrato: Feb 2015
#33
RE: Le atomiche su Hiroshima e Nagasaki - Agosto 1945
Il mio non era assolutamente un intento assolutorio. Forse non mi sono espresso correttamente.
La RAF aveva scoperto casualmente (?) la "tempesta di fuoco" a seguito del bombardamento di... Stoccarda (ricordo bene?). In quella occasione a seguito dei vastissimi incendi causati nel centro della città dalle bombe al fosforo, si verificò un drammatico fenomeno apparentemente inaspettato. L'aria fresca delle campagne, che fu attirata in città dall'abbassamento di pressione causato dagli incendi, diede luogo a quella che fu, poi, chiamata feuersturm, cioè una vera e propria tempesta che, al posto del vento soffiava gas rovente che arrostiva ogni cosa al suo passaggio. La città fu distrutta per oltre il 60%.
Teorizzato il fenomeno, scoperto quale fossero il mix corretto di bombe dirompenti ed incendiarie necessario, le condizioni meteorologiche più adatte, il tipo di concentrazione degli attacchi, etc. fu scientificamente riprodotto molte altre volte, su Amburgo, Dresda, etc. 
Quando ho scritto che gli Americani non applicarono la stessa tecnica (scientifica) sul Giappone intendevo dire solo questo: la RAF concepì e studiò attentamente il sistema per innescare la tempesta di fuoco. Gli Americani in Estremo Oriente non ebbero bisogno di far ciò: è notorio che se getti un cerino acceso su una balla di paglia, poi di brucia tutto il granaio. Con una città fatta al 90% di legno (e legno ormai antico, bello secco) anche poche bombe incendiarie fanno una catastrofe e i B-29 non ne scaricarono poche.  
I primi pensarono attentamente a come fare il maggior danno (anche morale) al nemico, i secondi si limitarono a far sì che la natura e la fisica seguissero il loro corso.
Giusto per chiarire, nel primo caso si può assimilare il comportamento inglese a quello di un omicidio lungamente premeditato; nel secondo a quello di un omicidio volontario che sfrutta una evidente debolezza della vittima. Nessuno dei due è meno moralmente deprecabile.
11-09-2017, 09:55 AM
Cerca Cita messaggio
Massimo jr Offline
Posting Freak
*****

Messaggi: 2.992
Discussioni: 8
Registrato: Sep 2015
#34
RE: Le atomiche su Hiroshima e Nagasaki - Agosto 1945
Da ricordare che i B-29 giocarono un ruolo importante anche durante la Guerra di Corea ( 1950-53 ) , inizialmente venne usato di giorno ma con l arrivo dei micidiali Mig-15 ( armati proprio per abbattere i bombardieri pesanti nemici ) venne relegato ad azioni notturne .
In ogni caso le citta' nord coreane fecero la stessa fine di quelle giapponesi , ridotte in cenere
Sulla Corea gli Usa sganciarono piu' bombe che sul Giappone
in guerra servono  2 cose , un bastone per darle ed un sacco per prenderle
11-09-2017, 05:06 PM
Cerca Cita messaggio
Dan Cooper Offline
Senior Member
****

Messaggi: 313
Discussioni: 4
Registrato: May 2017
#35
RE: Le atomiche su Hiroshima e Nagasaki - Agosto 1945
Conseguentemente i coreani adottarono la tattica dei "topi", tattica già sperimentata dai sovietici durante la Battaglia di Stalingrado e in seguito adottata vantaggiosamente anche dai Viet Cong.
11-09-2017, 05:35 PM
Cerca Cita messaggio
FaC Offline
Posting Freak
*****

Messaggi: 5.286
Discussioni: 46
Registrato: Feb 2015
#36
RE: Le atomiche su Hiroshima e Nagasaki - Agosto 1945
(11-09-2017, 05:06 PM)Massimo jr Ha scritto: Da ricordare che i B-29 giocarono un ruolo importante anche durante la Guerra di Corea ( 1950-53 )  , inizialmente  venne usato di giorno ma con l arrivo dei micidiali Mig-15 (  armati proprio per abbattere i bombardieri pesanti nemici ) venne relegato ad azioni notturne .
In ogni caso le citta' nord coreane fecero la stessa fine di quelle giapponesi , ridotte in cenere
Sulla Corea gli Usa sganciarono piu' bombe che sul Giappone

Una integrazione, senza allargare troppo l'OT: in Corea operarono anche i B-36, seppure in piccolo numero (se non mi sbaglio), mentre il B-47 arrivò tardi.
11-09-2017, 05:49 PM
Cerca Cita messaggio
Admiral Canoga Offline
Posting Freak
*****

Messaggi: 2.424
Discussioni: 35
Registrato: Jun 2015
#37
RE: Le atomiche su Hiroshima e Nagasaki - Agosto 1945
(11-09-2017, 05:49 PM)FaC Ha scritto:
(11-09-2017, 05:06 PM)Massimo jr Ha scritto: Da ricordare che i B-29 giocarono un ruolo importante anche durante la Guerra di Corea ( 1950-53 )  , inizialmente  venne usato di giorno ma con l arrivo dei micidiali Mig-15 (  armati proprio per abbattere i bombardieri pesanti nemici ) venne relegato ad azioni notturne .
In ogni caso le citta' nord coreane fecero la stessa fine di quelle giapponesi , ridotte in cenere
Sulla Corea gli Usa sganciarono piu' bombe che sul Giappone

Una integrazione, senza allargare troppo l'OT: in Corea operarono anche i B-36, seppure in piccolo numero (se non mi sbaglio), mentre il B-47 arrivò tardi.

No FaC, stando a Meyers K Jacobsen, forse il più appassinato studioso di B-36 a livello mondiale, e al suo "Convair B-36 History of America's Big Stick" pubblicato dalla Schiffer ("la Schiffer che è meglio della Schiffer", come dice un mio amico), .......During the decade of the 1950s, another fleet of gleaming ships, this time in the air, roamed the world's skies as a deterrent force—speaking softly, and carrying a big stick. The big stick was the B-36 bomber, armed with nuclear weapons. Like the Great White Fleet, SAC's B-36 fleet also never had to fire a shot in anger... (dall'introduzione, a pagina 9) e ancora, "....Soviet units in Korea became the 64th Fighter Air Corps (IAK), later commanded by General Gregory Lobov, who was born in 1915 and flew 346 sorties in WWII. By 1952, this Corps had 26,000 men in three air divisions, a separate night fighter regiment with propeller-driven La-11s, a naval air regiment at Port Arthur, and two anti-aircraft divisions with 85 mm and 57 mm guns with radar
and searchlight units. A formation this large provided a full-scale test of Soviet ability to cope with the USAF. On the other hand, the USAF carefully withheld the B-36 and B-50, its main deterrents, from risk in Korea....." (dal capitolo 10 "Come la Forza Aerea Sovietica rispose al B-36", a pagina 216). Dunque B-36, B-50 e B-47 non furono mai impiegati in missioni di bombardamento nella Guerra di Corea. Ricordiamo che B-36, B-50 e B-47 formavano allora la spina dorsale del SAC, così come le 3 Midway non furono impiegate in Corea perchè all'epoca erano le piattaforme con cui l'US Navy manifestava il proprio deterrente nucleare: ricordate i P2V Neptune imbarcati e poi gli AJ Savage? Si badi bene che la Guerra di Corea scoppia poco tempo dopo la famosa "rivolta degli ammiragli" (si vedano l'effimera storia della CVA-58 United States e l'assai sospetto suicidio di Forrestal).   I bombardieri dell'USAF impiegati in Corea furono i B-29, i B-26 Invader, i B-45 Tornado (che ebbero tanti problemi di gioventù e vennero impiegati anche come ricognitori).
Mr President, I feel that I must tell you that the senior officers of the Navy do not have the trust and confidence in the civilian leadership of this country that is essential for the successful prosecution of a war in the Pacific - James Otto Richardson CinC U.S. Fleet (06 01 1940 – 01 02 1941) to FDR
(Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 12-09-2017, 01:01 PM da Admiral Canoga.)
12-09-2017, 01:00 PM
Cerca Cita messaggio
Massimo jr Offline
Posting Freak
*****

Messaggi: 2.992
Discussioni: 8
Registrato: Sep 2015
#38
RE: Le atomiche su Hiroshima e Nagasaki - Agosto 1945
Un altro  curiosita' sul B-29 .
Sia i russi che gli inglesi furono costretti ad utilizzare i B-29 come loro primi vettori  a lunga distanza dell ordigno nucleare .
Gli inglesi li  ottennero dagli americani , i russi li copiarono ( Tu-4 )
in guerra servono  2 cose , un bastone per darle ed un sacco per prenderle
12-09-2017, 01:31 PM
Cerca Cita messaggio
Admiral Canoga Offline
Posting Freak
*****

Messaggi: 2.424
Discussioni: 35
Registrato: Jun 2015
#39
RE: Le atomiche su Hiroshima e Nagasaki - Agosto 1945
(11-09-2017, 09:55 AM)FaC Ha scritto: Il mio non era assolutamente un intento assolutorio. Forse non mi sono espresso correttamente.
La RAF aveva scoperto casualmente (?) la "tempesta di fuoco" a seguito del bombardamento di... Stoccarda (ricordo bene?). In quella occasione a seguito dei vastissimi incendi causati nel centro della città dalle bombe al fosforo, si verificò un drammatico fenomeno apparentemente inaspettato. L'aria fresca delle campagne, che fu attirata in città dall'abbassamento di pressione causato dagli incendi, diede luogo a quella che fu, poi, chiamata feuersturm, cioè una vera e propria tempesta che, al posto del vento soffiava gas rovente che arrostiva ogni cosa al suo passaggio. La città fu distrutta per oltre il 60%.
Teorizzato il fenomeno, scoperto quale fossero il mix corretto di bombe dirompenti ed incendiarie necessario, le condizioni meteorologiche più adatte, il tipo di concentrazione degli attacchi, etc. fu scientificamente riprodotto molte altre volte, su Amburgo, Dresda, etc. 
Quando ho scritto che gli Americani non applicarono la stessa tecnica (scientifica) sul Giappone intendevo dire solo questo: la RAF concepì e studiò attentamente il sistema per innescare la tempesta di fuoco. Gli Americani in Estremo Oriente non ebbero bisogno di far ciò: è notorio che se getti un cerino acceso su una balla di paglia, poi di brucia tutto il granaio. Con una città fatta al 90% di legno (e legno ormai antico, bello secco) anche poche bombe incendiarie fanno una catastrofe e i B-29 non ne scaricarono poche.  
I primi pensarono attentamente a come fare il maggior danno (anche morale) al nemico, i secondi si limitarono a far sì che la natura e la fisica seguissero il loro corso.
Giusto per chiarire, nel primo caso si può assimilare il comportamento inglese a quello di un omicidio lungamente premeditato; nel secondo a quello di un omicidio volontario che sfrutta una evidente debolezza della vittima. Nessuno dei due è meno moralmente deprecabile.

FaC riguardo al bombardamento strategico gli americani non affidarono mai nulla al caso, ma al contrario studiarono attentamente le cose in modo anche più dettagliato di quanto fecero i britannici. Gli effetti furono voluti eccome, preparati a tavolino per filo e per segno......

Presso il Dugway Proving Ground nello Utah furono realizzati due villaggi, German Village e Japanese Village, con edifici costruiti secondo le tecniche edili/architettoniche tipiche di quei rispettivi Paesi. I materiali costruttivi furono accuratamete replicati e studiati.

Si vedano in proposito:

https://ww2db.com/photo.php?source=color...ype_id=142

http://www.cabinetmagazine.org/issues/12...tektur.php

http://www.loc.gov/pictures/item/ut0568/


http://cdn.loc.gov/master/pnp/habshaer/u...68data.pdf



Mr President, I feel that I must tell you that the senior officers of the Navy do not have the trust and confidence in the civilian leadership of this country that is essential for the successful prosecution of a war in the Pacific - James Otto Richardson CinC U.S. Fleet (06 01 1940 – 01 02 1941) to FDR
12-09-2017, 01:33 PM
Cerca Cita messaggio
Dan Cooper Offline
Senior Member
****

Messaggi: 313
Discussioni: 4
Registrato: May 2017
#40
RE: Le atomiche su Hiroshima e Nagasaki - Agosto 1945
Interessante documentazione Ammiraglio, come altrettanto interessanti sono i siti da Lei postati.

Pare che a guerra finita il generale Curtis LeMay (Comandante dell XXI Bomber Command USAAF) avesse ammesso candidamente: 

"Suppongo che se avessi perso la guerra, sarei stato processato come un criminale di guerra"
(dal libro "The Soul Of Battle" di Victor Davis Hanson)
12-09-2017, 10:02 PM
Cerca Cita messaggio


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)