Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Marina Russa
montiovis Offline
Posting Freak
*****

Messaggi: 1.271
Discussioni: 7
Registrato: Apr 2018
RE: Marina Russa
Nuove unità e profondo aggiornamento delle migliori unità di origine sovietica ancora nella Flotta. 

Il cacciatorpediniere maresciallo Shaposhnikov della classe Udaloy  project  1155  appartenente alla Flotta del Pacifico  è stato sottoposto ad un profondo ammodernamento, secondo quanto scritto nell'articolo allegato, i sistemi missilistici di era sovietica  ASW URK-5"Rastrub-5" saranno sbarcati,  sostituiti dai missili anti-nave Kh-35 Uran  e   missili da crociera Caliber
 
Foto di repertorio durante i lavori

[Immagine: 1155%2Bnueva%2Btorre.jpg]

Da questa foto da satellite, pare che al posto della torretta superiore  da 100 mm hanno realizzato lo spazio per inserire i VLS per i Caliber   
[Immagine: 21-7521309-bez-imeni.png]

"La modernizzazione ha toccato non solo le armi. Sostituita parte delle linee cavi, una parte significativa dei sistemi e dei meccanismi della nave, le comunicazioni, la navigazione, compresi gli interni dei locali dedicati agli equipaggi per adeguarli ai nuovi standard abitativi accogliendo un nuovo equipaggio. Ci aspettiamo che tra qualche mese la nave lascerà Dalzavod e parteciperà alle prove in mare ", ha aggiunto l'ammiraglio" 
https://www.newsvl.ru/society/2019/05/20...z5oXXlNZhA

Dopo il completamento e le prove di     le autorità prenderanno la decisione se intervenire anche sulle altre 3 unità della stessa classe attualmente alla Flotta del Pacifico
https://www.newsvl.ru/vlad/2019/02/13/178068/

Con questi aggiornamenti le unità potrebbero prestare servizio ancora per più di 10 anni, periodo che potrebbe essere sufficiente per immettere nella Flotta i nuovi cacciatorpediniere conosciuti come  classe Leader o le fregate  classe 22350M
(Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 22-05-2019, 07:45 PM da montiovis.)
22-05-2019, 04:40 PM
Cerca Cita messaggio
montiovis Offline
Posting Freak
*****

Messaggi: 1.271
Discussioni: 7
Registrato: Apr 2018
RE: Marina Russa
In linea con il programma  "sostituzione delle importazioni" lanciato nel 2014 dopo le sanzioni che ha comportato l'impossibilità di importare  I componenti dai classici fornitori ucraini, facendo seguito alla notizia dei giorni scorsi che ha portato all'autarchia nella produzione delle turbine a gas navali fino alla potenza di 20.000 bhp,  ora sono apparse le foto dei  riduttori di accoppiamento realizzati presso  a Zvezda.

[Immagine: NQ9VD1w.jpg]
22-05-2019, 08:07 PM
Cerca Cita messaggio
Giarabub Offline
Member
***

Messaggi: 249
Discussioni: 0
Registrato: Jan 2019
RE: Marina Russa
Sig. Rob shaque le chiedo un giudizio tecnico: se esaltiamo - giustamente - le costruzioni navali nazionali per robustezza e longevità (ad es. garibaldi o maestrale), anche in relazione ai requisiti fissati da MMI, ebbene lei non crede che il medesimo giudizio possa essere dato per le costruzioni navali sovietiche (per le russe vedremo)?
22-05-2019, 08:33 PM
Cerca Cita messaggio
Rab Shaqe Offline
Senior Member
****

Messaggi: 304
Discussioni: 6
Registrato: Aug 2017
RE: Marina Russa
(22-05-2019, 08:33 PM)Giarabub Ha scritto: Sig. Rob shaque le chiedo un giudizio tecnico: se esaltiamo - giustamente - le costruzioni navali nazionali per robustezza e longevità (ad es. garibaldi o maestrale), anche in relazione ai requisiti fissati da MMI, ebbene lei non crede che il medesimo giudizio possa essere dato per le costruzioni navali sovietiche (per le russe vedremo)?

Rab, non Rob, please. Non mi chiamo Roberto e non ho nulla a che fare con Rob.
Shaqe e non shaque (anche se la traslitterazione è varia, la versione cui faccio fede io è Rab Shaqe).
Infine, la prego, Garibaldi e Maestrale, iniziali MAIUSCOLE.

Io non esalto le costruzioni navali nazionali per robustezza e longevità, nel senso che non credo che siamo i più bravi al mondo: però non c'è dubbio che alcune cose le abbiamo fatte piuttosto bene, grazie ad un prezioso mix di esperienza, tradizione, cura, attenzione, ricerca instancabile di messe a punto progettuali molto attente, capacità di collaudo, ed infine (non dappertutto e non sempre) buone doti di competenza e responsabilità inculcata in coloro cui le navi e la loro efficienza è affidata, dopo l'entrata in Squadra.

Le navi sono fatte di parecchie cose:
- la carpenteria metallica,
- l'allestimento, le finiture e gli arredi,
- l'impiantistica meccanica e idraulica,
- l'impiantistica elettrica,
- la propulsione,
- l'elettronica com e nav,
- i sistemi d'arma imbarcati e l'elettronica per il combattimento,
- i sistemi per la protezione e la sopravvivenza "damage control",
- le dotazioni marinaresche,
- ecc...

La possibilità di assicurare una estesa vita operativa ad una unità, dipende da una buona impronta genetica iniziale (diciamo così), dalla possibilità di ripararla e tenerla efficiente a costi (e sforzi tecnici) ragionevoli e dalla possibilità di aggiornarne i contenuti in risposta all'evoluzione dello stato dell'arte dei sistemi di bordo e delle sfide con cui deve confrontarsi.
Ciò vale per tutti, noi, giapponesi, americani, tedeschi, francesi, ecc...
I russi hanno dei problemi in più: le navi maggiori non hanno dove e come costruirle e quindi devono giocoforza tenersi con ogni cura quello che hanno, ed in questa direzione sono quindi disposti a compiere ogni sforzo, pure quelli che ad altre latitudini sarebbero ritenuti non cost-effective.
Hanno perduto alcune competenze con la dissoluzione dell'URSS e sono all'inseguimento spasmodico di un recupero su questi fronti.
Quello che fanno sul fronte del nuovo, per unità di superficie (medio-piccole), lo fanno con grandissima dedizione ed impegno.
Sul fronte delle unità sommergibili, hanno pagato molto caro la dispersione di competenze e capacità.
La mia percezione, in generale, è che lo stato medio dell'efficienza delle unità russe è inferiore a quanto in occidente sarebbe giudicato al limite inferiore, ma la dedizione degli equipaggi a colmare il gap conseguente, è molto alta ed il fattore umano, secondo me, conta veramente parecchio.

Tornando a bomba, la carpenteria metallica o è sana e buona, oppure è un guaio serio. Nel tempo degrada inevitabilmente, anche se non ci sono "errori" di imprinting iniziale (deficienze strutturali, difetti di materiali, problemi di trattamenti in origine, ecc...): se non è tutto pensato bene in partenza, la manutenzione può diventare un dramma.
L'allestimento, finiture ed arredi condiziona seriamente la qualità della vita a bordo, ma su questi aspetti si può sempre reintervenire: è un problema di costi e tempi.
L'impiantistica meccano-idraulica, se nasce male è un guaio: se anche ci spendi sopra una montagna di soldi in manutenzione, il vero problema è che non sai mai quando spunterà fuori la prossima avaria, quali inefficienze genererà e che conseguenze avrà sulla capacità di sopravvivenza della nave (e per la legge di Murphy, capiterà sempre nel momento peggiore).
L'impiantistica elettrica è sia generazione, che distribuzione, che selettività della sua vulnerabilità: la prima voce, se qualcosa va storto, cosa cara ma si recupera. La seconda voce è un casino grosso se i materiali degradano nel tempo, e la diffusione del problema può azzoppare seriamente la nave più prestigiosa. La terza voce è in genere una scoperta amarissima che si fa alla prova del fuoco (vero, in combattimento) e lì c'è poco da fare.
La propulsione è elemento delicatissimo: guardate ai guai che ha portato con se sulla Kuznetsov, sulla Helge Ingstad, RN Type 45, ecc... Se parti male, i guai sono infiniti. Se parti bene ma manca il supporto integrato adeguato, finisce male lo stesso.
L'elettronica è la voce sulla quale si riesce ad intervenire, correggere, aggiornare meglio: dipende da quanto ci spendi e di che risorse di innovazione tecnologica disponi.
Stessa cosa per i sistemi d'arma.
Il damage control è un elemento subdolo e pericoloso: se ha problemi di impostazione seri, lo scopri solo quando è tardi e sei nei guai.
...
...
(Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 22-05-2019, 11:50 PM da Rab Shaqe.)
22-05-2019, 11:48 PM
Cerca Cita messaggio
Giarabub Offline
Member
***

Messaggi: 249
Discussioni: 0
Registrato: Jan 2019
RE: Marina Russa
Molte grazie dell’esauriente risposta; mi scusi per il nome (andavo a memoria) ed abbia pazienza per le maiuscole ma applico il principio di raggiungimento dello scopo ...
(Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 23-05-2019, 12:29 AM da Giarabub.)
23-05-2019, 12:18 AM
Cerca Cita messaggio
Dan Cooper Offline
Posting Freak
*****

Messaggi: 6.843
Discussioni: 35
Registrato: May 2017
RE: Marina Russa
Russian surface warships to guide coastal missiles

Citazione:Russian surface warships will be able to provide guidance to coastal missile complexes. The new capabilities will radically increase Navy potential and the defence of naval bases and the coast, the Izvestia daily writes.
Small missile ships trained this year near Kamchatka to guide coastal Bal and Bastion complexes, the main Navy command said. Onboard systems and radars were linked with the reconnaissance contour of the coastal forces and the fleet. The ship radars detected surface targets and transmitted the information to coastal missiles in real time. They were ready for launch in several seconds.
The new technique confirmed the high capabilities of the warships and was recognized as successful. It will be introduced in all fleets. In future, small missile ships will guide Tsirkon hypersonic missiles which are to be supplied to the coastal forces, Defense Ministry sources said.
Guiding by small missile boats will increase combat capabilities of the missiles, former Navy Chief-of-Staff Admiral Valentin Selivanov believes. "Small missile ships will approach the adversary to the maximum and will uninterruptedly report target coordinates to the command post in real time. Such a warship can track targets for two days. The command post will decide which weapons to engage. For example, coastal complexes are considered the most dangerous weapons as they hit a warship hundred percent," he said.
Upgraded Ovod-class warships of project 1234 also received a possibility to provide guidance to coastal missiles. The Navy currently has 12 Ovod and most of them are re-equipped. The Smerch is overhauled in Kamchatka and the Zyb of the Baltic fleet which stood idle for a long time is preparing for an overhaul at the 33rd shipyard. The machine-building enterprise in Kingisepp completed the overhaul of the Rassvet. 
It also upgraded the Iceberg and the Geyzer in late 2018.
Bastion and Bal are the backbones of modern coastal defence. Bal is a close-range weapon to control the waters around naval bases. Bastion destroys warships at a distance of 500 km. The complexes can engage new supersonic Onix antiship missiles.
Tsirkon hypersonic missiles pose the main danger for the adversary. They will be carried by surface warships and submarines. The speed provides them with a higher destruction capability up to an aircraft carrier...

[Immagine: d238a8878eb818ade4341481d96c6c2e.jpg]   PER INGRANDIRE
28-05-2019, 10:08 AM
Cerca Cita messaggio
greywolf Offline
Senior Member
****

Messaggi: 406
Discussioni: 1
Registrato: May 2018
RE: Marina Russa
I russi stanno realizzando la distributed lethality di cui gli americani parlano da un po di anni, ma che non sono in grado di realizzare.
28-05-2019, 06:07 PM
Cerca Cita messaggio
montiovis Offline
Posting Freak
*****

Messaggi: 1.271
Discussioni: 7
Registrato: Apr 2018
RE: Marina Russa
Un articolo in russo  sui  cacciatorpediniere  classe  Udaloy  project 1155
[Immagine: _KAZ_6696.jpg?itok=JnacKla6]
https://iz.ru/881344/aleksei-ramm-bogdan...t-udarnymi
30-05-2019, 01:06 PM
Cerca Cita messaggio


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 2 Ospite(i)